«Grande risultato per la coalizione Lega-UDC»

Reazioni

Dopo la perdita del seggio di Roberta Pantani al Nazionale, la Lega accoglie con entusiasmo l’esito odierno alle urne

«Grande risultato per la coalizione Lega-UDC»
© CdT/GABRIELE PUTZU

«Grande risultato per la coalizione Lega-UDC»

© CdT/GABRIELE PUTZU

«La coalizione programmatica Lega-UDC porta a casa un grande risultato, confermando che la maggioranza delle cittadine e dei cittadini ticinesi si schiera a favore della sovranità della Svizzera contro gli attacchi di chi vorrebbe svendere l’identità e le tradizioni del nostro Paese». Esordisce così una presa di posizione pubblicata poco fa dal movimento di via Monte Boglia il cui risultato al primo turno si era rivelato tutt’altro che buono con la perdita del seggio di Roberta Pantani al Consiglio nazionale.

«L’alleanza PLR-PPD nata solo per mero calcolo elettorale è stata sonoramente sconfessata dagli stessi elettori vicini ai due partiti. Questo vuol dire che non si può unire il diavolo e l’acqua santa e che le congiunzioni elettorali vanno fatte quando la storia, i programmi elettorali e gli uomini hanno una vicinanza effettiva e non solo inventata sulla carta a pochi mesi da un appuntamento elettorale», scrive poi la Lega sferrando così una precisa frecciatina ai partiti perdenti.

«Marco Chiesa sarà in grado di interpretare pienamente i postulati cari alla Lega dei ticinesi, permettendo all’UDC nazionale di confermarsi primo partito svizzero. Nello stesso tempo tutte le cassandre che nelle passate settimane avevano sparato contro la Lega e la sua strategia elettorale sono state servite: la Lega c’è!»

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Quella parte di Mendrisio che è ancora «luganese»

    Elettricità

    Quattro quartieri sono ancora serviti dalle AIL: una situazione che fa discutere da tempo – Ora le AIM vorrebbero comprare la rete e le trattative sono entrate nel vivo – Il prezzo dovrebbe aggirarsi attorno agli 8 milioni di franchi – Messaggio atteso entro fine anno

  • 3
  • 4
  • 5

    Con i piedi per terra, ma a un passo dagli Oscar

    La storia

    Incontro con il regista e creativo locarnese Amos Sussigan, che ad appena trent’anni è già andato vicino alla tanto ambita statuetta dorata - Intanto lavora anche per le più grandi case di produzione cinematografiche di Los Angeles

  • 1
  • 1