«I castelli sono una gemma, e non chiamateli “Fortezza”»

Bellinzona

Commissione della Gestione compatta per la valorizzazione del patrimonio Unesco, la denominazione scelta però non convince - Promosso anche il Programma d’azione comunale che ridisegna il territorio da qui al 2040: «Mette i quartieri sullo stesso piano»

«I castelli sono una gemma, e non chiamateli “Fortezza”»
Montebello. ©CdT/Chiara Zocchetti

«I castelli sono una gemma, e non chiamateli “Fortezza”»

Montebello. ©CdT/Chiara Zocchetti

Pur dimostrandosi scettica sulla possibilità di attrarre turisti tramite il concetto di “Fortezza” anziché quello di “Castelli di Bellinzona” oggi utilizzato, che andrebbe preferito, la Commissione della Gestione è compatta nel sostenere la valorizzazione del patrimonio Unesco in Città. Con la firma all’unanimità della relazione di Lelia Guscio fornisce infatti preavviso favorevole al messaggio con cui il Municipio ha chiesto al Legislativo (che si esprimerà nella prossima seduta) un credito di 1,82 milioni di franchi per la progettazione degli interventi sul quel retaggio storico che i commissari definiscono «una gemma unica» a livello europeo. Del totale, ricordiamo, 890.500 franchi saranno a carico del Cantone (proprietario dei castelli), mentre la parte restante sarà coperta dalla Città...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
  • 3

    È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

    TECNOLOGIE

    Bodio: la società promotrice del datacenter in un cunicolo nel quale immagazzinare e stoccare file elettronici è fallita un mese fa - Avrebbero dovuto essere creati 20-30 posti di lavoro - Lapidario il presidente dell’azienda Roland Herlig: «Non faremo più niente»

  • 4

    Rustici, nel braccio di ferro la spunta la Confederazione

    Sentenza

    Il Tribunale amministrativo cantonale, salvo puntuali eccezioni, ha accolto il ricorso dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale – Nella maggior parte dei casi, gli edifici non potranno più essere trasformati in casa secondaria

  • 5
  • 1
  • 1