«I ticinesi stanno vivendo un forte disagio»

Coronavirus

Il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi commenta la presa di posizione odierna nell’ambito della consultazione avviata dal Consiglio federale

«I ticinesi stanno vivendo un forte disagio»
©CdT/Gabriele Putzu

«I ticinesi stanno vivendo un forte disagio»

©CdT/Gabriele Putzu

«Se pensiamo a quanto fatto la scorsa primavera, quando le decisioni per tornare alla normalità cadevano ogni due settimane, il lasso di tempo di un mese proposto dal Consiglio federale è troppo lungo e insoddisfacente. Inoltre, se dal 1. aprile potranno riaprire solo i locali con terrazze, è una misura anche discriminatoria. Chiediamo quindi che al più tardi il 22 - o potenzialmente dal 15 marzo - possano riaprire totalmente bar e ristoranti, in modo che il settore possa anche prepararsi per l’inizio della stagione turistica, che tradizionalmente in Ticino coincide con le vacanze pasquali», ci spiega il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi commentando la presa di posizione resa nota oggi nell’ambito della consultazione avviata dal Consiglio federale. Il Governo ha deciso quindi di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Coronavirus
  • 2 Martina Salvini
Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Vento e gelo da ko per l’agricoltura ticinese

    territorio

    Il meteo avverso ha creato non pochi problemi ai campi - A pesare è la mancanza di acqua - Sem Genini: «Difficile fare previsioni: speriamo che il freddo annunciato per il fine settimana resti lontano» - Marco Bassi: «Danni anche all’insalata: abbiamo bisogno dell’aiuto e della pazienza del consumatore»

  • 2

    Due ore settimanali di bonus per chi va al lavoro in bici?

    bellinzona

    Municipio cittadino e Commissione della legislazione all’unisono bocciano l’idea ecologista di concedere uno sgravio settimanale sulle timbrature dei dipendenti comunali che decidono di recarsi in sede senza inquinare, in sella o a piedi: «Intento lodevole ma applicazione problematica»

  • 3
  • 4

    Quanto è lontana Lugano dall’indipendenza energetica?

    Ambiente ed economia

    Per molti il passaggio dai combustibili fossili al fotovoltaico indica l’alba di una nuova rivoluzione industriale - Ma la nostra regione è al passo coi tempi? È pronta alla sfida? In meno di 10 anni la produzione è passata da 2 a 34 gigawattora

  • 5

    «Lascio una squadra affiatata»

    Locarno

    Il vicesindaco della Città Paolo Caroni, che ha deciso di non ricandidarsi alle imminenti elezioni, racconta la sua lunga esperienza vissuta all’interno del Municipio – Dai progetti andati in porto alle visioni disegnate per il futuro, sottolinea lo spirito che l’Esecutivo ha saputo costruire

  • 1
  • 1