Il Cardiocentro e la nuova linfa

sanità

Dal primo gennaio l’Ospedale del cuore è a tutti gli effetti entrato a far parte dell’Ente ospedaliero cantonale – Il direttore Massimo Manserra: «Il passaggio è stato positivo, ora il clima è tornato sereno e diversi progetti stanno ripartendo»

Il Cardiocentro e la nuova linfa
© TI-PRESS/Archivio

Il Cardiocentro e la nuova linfa

© TI-PRESS/Archivio

L’integrazione dell’Ospedale del cuore sotto il cappello dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC) negli scorsi anni ha fatto scorrere fiumi di inchiostro, tra critiche, proposte e controproposte, e pure parecchie polemiche. Ora, anche un po’ in sordina, quel tanto discusso passaggio è effettivamente avvenuto: dal 1. gennaio il Cardiocentro è diventato un istituto dell’EOC. A distanza di qualche mese siamo quindi andati a trovare il direttore dell’istituto Massimo Manserra per fare il punto della situazione. E la prima domanda è d’obbligo: com’è andata questa delicata fase di transizione? «Il passaggio è stato positivo e penso di poter dire che pure i collaboratori stiano vivendo questo momento con il giusto spirito e la giusta serenità». Già, una serenità che, inutile nasconderlo, negli ultimi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1