Il Club del Tappo tende la mano all’EOC

covid-19

L’Associazione che raccoglie fondi da destinare in beneficenza ha devoluto 10.000 franchi a favore dell’Ente ospedaliero cantonale per fronteggiare la pandemia in corso

Il Club del Tappo tende la mano all’EOC
©CdT/Chiara Zocchetti

Il Club del Tappo tende la mano all’EOC

©CdT/Chiara Zocchetti

«In questi anni, oltre a tante associazioni ticinesi, abbiamo sostenuto anche associazioni che si occupavano di aiutare persone nei luoghi più disparati al mondo. Ora è il nostro territorio che ci chiede aiuto». Il Club del Tappo non poteva quindi rimanere indifferente davanti all’emergenza sanitaria in atto a livello mondiale e che sta colpendo in modo importante il nostro Cantone. Per questo motivo, l’associazione che raccoglie fondi da destinare in beneficenza ha deciso di devolvere 10.000 franchi alla raccolta fondi a favore dell’Ente ospedaliero cantonale per far fronte alle enormi spese cui sono chiamati per fronteggiare la pandemia in atto. «Questa è un’occasione che ognuno di noi ha per poter dare il proprio contributo affinché questa situazione possa risolversi prontamente - scrive l’associazione in una nota -. Confidiamo che il popolo del Tappo, sempre così generoso quando la beneficenza chiama, possa rispondere anche questa volta in modo significativo alla chiamata per aiutare il nostro Ticino che soffre. Diamo il nostro aiuto affinché questa battaglia possa terminare in tempi ragionevoli e ci permetta di ritrovarci, di poter tornare a riunirci come ora ci è invece proibito, per poter assaporare con ancora maggior piacere la bellezza di fare festa insieme».

Il Club del Tappo tende la mano all’EOC
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Il Cantone tende una mano a chi è sprovvisto di terrazza

    pandemia

    I bar e i ristoranti che non hanno potuto beneficiare dell’apertura esterna avranno diritto a un sostegno supplementare - Lo ha deciso il Consiglio di Stato approvando una richiesta di GastroTicino - Suter: «L’allentamento del 19 aprile è stato discriminatorio»

  • 3

    Da oggi ogni giorno è buono per lo sgombero dell’ex Macello

    Lugano

    A meno che gli autogestiti decidano a breve di sedersi a un tavolo per discutere una sede alternativa, la Città ora può legalmente liberare forzatamente gli spazi - Borradori: «Se ne occuperà la Polizia, nemmeno noi sapremo quando accadrà fino a pochi minuti prima dell’inizio dell’operazione»

  • 4

    Col turismo trasformativo scoprire il territorio e se stessi

    La curiosità

    Approda anche nel Locarnese una singolare iniziativa per immergersi nel paesaggio – Variegato il cartellone di proposte, alcune delle quali dedicate alle sole donne – L’ideatrice Michela Di Savino: «Yoga, danza, meditazione e musica aiutano ad entrare in sintonia con la natura e a gustare davvero il fascino dei luoghi» - FOTO

  • 5

    Il Ceneri non è più una barriera, ma ora occorre pedalare

    SOTTO LA LENTE

    L’esposizione fotografica di Nicola Demaldi al Castelgrande di Bellinzona stimola una riflessione sui cambiamenti dettati dall’apertura della galleria di base che ha avvicinato i centri del Cantone e consentito di scoprire bellezze in parte sconosciute - FOTO

  • 1
  • 1