Il Consiglio di Stato conferma le misure decise da Berna fino al 28 febbraio

Coronavirus

Intanto, la campagna di immunizzazione procede a ritmi sostenuti: in Ticino sono già state vaccinate 8.660 persone

Il Consiglio di Stato conferma le misure decise da Berna fino al 28 febbraio
KEYSTONE/Samuel Golay

Il Consiglio di Stato conferma le misure decise da Berna fino al 28 febbraio

KEYSTONE/Samuel Golay

«Il Consiglio di Stato condivide l’analisi delle autorità federali in merito all’attuale situazione epidemiologica a livello nazionale e sui pericoli legati alla diffusione delle nuove varianti. Per questo motivo, ha confermato per il periodo fra il 18 gennaio e il 28 febbraio le disposizioni attualmente in vigore», quanto si legge in una nota divulgata poco fa dall’Amministrazione cantonale.

Le raccomandazioni su spesa e spostamenti

Il Governo coglie inoltre l’occasione per ribadire la raccomandazione rivolta alle persone particolarmente a rischio, per età o patologie pregresse, di limitare la frequentazione di luoghi con elevata concentrazione di persone, come i negozi di generi alimentari, e di privilegiare la fascia oraria mattutina fino alle 10.00 per gli acquisti. Il Consiglio di Stato ricorda poi che, «in caso di necessità per commissioni, è possibile contattare il proprio Comune». Più in generale si raccomanda di limitare il numero di persone per economia domestica per acquisti nei negozi di beni prima necessità e di utilizzare la mascherina in tutte le situazioni in cui non è possibile mantenere il distanziamento fisico, compresi i veicoli privati su cui viaggiano persone non appartenenti alla stessa economia domestica.

Vaccinati 8.660 ticinesi

Il Consiglio di Stato considera inoltre molto positivo l’andamento della campagna di vaccinazioni nel nostro Cantone, iniziata nelle case per anziani e fra la popolazione residente a domicilio «over 85», e nel frattempo già estesa alle persone con 80 e più anni: a ieri sera erano già state vaccinate 8.660 persone. Si tratta di un segnale che deve infondere speranza, ma che non assicurerà effetti immediati: le dosi a disposizione sono infatti molto limitate e la campagna di vaccinazione richiederà ancora del tempo. Il Governo invita pertanto tutte le persone «over 80» a prenotare il proprio appuntamento in uno dei centri allestiti, chiamando il numero verde 0800 128 128. Si ricorda inoltre che le persone che non hanno la possibilità di recarsi in uno dei centri possono annunciarsi al proprio Comune segnalando l’interesse per una vaccinazione di prossimità, che sarà resa disponibile grazie alla collaborazione dei medici sul territorio e dei Comuni.

Sforzo collettivo

In conclusione, il Governo si dice consapevole della stanchezza che serpeggia fra la popolazione ticinese, dopo quasi un anno di pandemia e misure restrittive, ma considera fondamentale che tutti aderiscano allo sforzo collettivo di responsabilità che è richiesto a ognuno di noi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Scuole al Burio, il Municipio fa luce sull’amianto

    Gordola

    L’Esecutivo chiarisce i contorni del preventivo mai arrivato sul suo tavolo: «Documento interno di lavoro, ma tutti gli importi sono contenuti nel progetto di risanamento» – Bruno Storni ribatte subito: «Questione molto opaca» – E si rivolge agli Enti locali

  • 2
  • 3

    Lotta alle piante invasive sull’Isola dei Conigli

    Verbano

    I selvicoltori del Demanio forestale, con l’aiuto degli allievi dell’Istituto delle scuole speciali del Sopraceneri, all’opera per eliminare le specie non desiderate e preservare la vegetazione indigena - LE FOTO

  • 4
  • 5

    Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi

    BELLINZONA

    I consiglieri comunali Marco Noi e Ronnie David chiedono lumi al Municipio in merito al caso dell’ex direttore del Settore opere pubbliche: «Perché è stato informato solo ad inchiesta conclusa?»

  • 1
  • 1