Il Gran Consiglio tra new entry e ritorni

Politica

L’ultima sessione parlamentare dell’anno si è aperta con la dichiarazione di fedeltà alla Costituzione da parte di tre subentranti

Il Gran Consiglio tra new entry e ritorni
© CdT/ Chiara Zocchetti

Il Gran Consiglio tra new entry e ritorni

© CdT/ Chiara Zocchetti

Il Gran Consiglio tra new entry e ritorni

Il Gran Consiglio tra new entry e ritorni

Due volti nuovi e un rientro. L’ultima sessione parlamentare dell’anno non è contraddistinta solo da temi caldi quali il salario minimo e il Preventivo 2020. Ad aprire i lavori è stata infatti la dichiarazione di fedeltà alla Costituzione e alle leggi da parte di tre deputati subentrati ad altrettanti neo eletti consiglieri nazionali. In particolare, tra le fila del PLR Paolo Ortelli è subentrato all’ex capogruppo Alex Farinelli mentre Fabrizio Garbani Nerini ha preso il posto del socialista Bruno Lepori. Detto delle new entry, con l’elezione alla Camera bassa del presidente democentrista Piero Marchesi a ripercorrere i corridoi di Palazzo delle Orsoline è Paolo Pamini. Già deputato in Gran Consiglio dal 2015, alle cantonali di aprile Pamini non era stato rieletto per un nuovo mandato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Ripercussioni importanti ma di difficile stima»

    Finanze luganesi

    La Città fa il punto sull’impatto che l’emergenza coronavirus potrà avere sui conti comunali - Secondo gli ultimi calcoli potrebbero mancare 50 milioni nel 2020 - «La capacità d’investimento dovrà essere ridotta»

  • 2
  • 3

    Si riempie di stelle l’orizzonte dell’albergo Esplanade

    Minusio

    È andata in porto la vendita dello storico hotel, chiuso da diversi mesi dopo una parentesi come servizio e-rooms – La struttura sarà ora rinnovata e poi affidata a una prestigiosa catena internazionale – Investimento complessivo da 40 milioni

  • 4

    Chiasso, città ritrovata: «C’era bisogno di centro»

    Post lockdown

    Riflessione con il sindaco Bruno Arrigoni su cosa abbiano significato la pandemia e le sue conseguenze per la cittadina di confine: «Abbiamo capito l’esigenza di stare insieme e abbiamo promosso interventi in questo senso. La risposta è stata molto positiva, quasi sorprendentemente»

  • 5

    «Aumenti contenuti che seguono l’andamento del mercato»

    turismo

    Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino Lorenzo Pianezzi commenta il rincaro dei prezzi delle camere d’albergo: «Conseguenze della forte ripresa che ha interessato il settore da metà luglio» – Gli albergatori ticinesi hanno riscoperto la clientela giovane, ma manca il turista più danaroso che spende anche 500 franchi a notte

  • 1
  • 1