Il prof. Alessandro Ceschi nella task force per il vaccino

Coronavirus

Il primario e direttore medico e scientifico dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana dell’EOC sarà l’unico esperto esterno a Swissmedic a lavorare nel team per la vigilanza sul vaccino

 Il prof. Alessandro Ceschi nella task force per il vaccino

Il prof. Alessandro Ceschi nella task force per il vaccino

Swissmedic, l’Istituto Svizzero per gli Agenti Terapeutici, ha nominato il professor Alessandro Ceschi, primario e direttore medico e scientifico dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana dell’EOC e professore alla Facoltà di scienze biomediche USI, quale unico esperto esterno all’Autorità regolatoria nazionale nella «Swissmedic task force COVID Pharmacovigilance».

La task force si occuperà degli aspetti di sicurezza dei vaccini COVID-19 e dell’organizzazione di un sistema di monitoraggio intensivo e valutazione rigorosa delle eventuali reazioni avverse al vaccino che si dovessero riscontrare quando la popolazione verrà vaccinata. Si tratta di aspetti essenziali, la cui rilevanza aumenterà per ovvi motivi prossimamente, per garantire che le conoscenze sulla sicurezza del vaccino continuino a progredire e ad essere affinate, a beneficio dei cittadini e della comunità.

Anche se gli studi svolti fino ad oggi su diverse migliaia di volontari non hanno evidenziato gravi problemi di sicurezza dei vaccini contro il SARS-CoV-2, sarà fondamentale mantenere alta la guardia quando l’uso dei vaccini, dopo l’approvazione da parte dell’Autorità nazionale, verrà esteso a tutta la popolazione. Il fatto che i dati attualmente disponibili derivino da osservazioni negli studi clinici di durata limitata e che i vaccini saranno somministrati a milioni di cittadini, richiede l’attuazione di sistemi di monitoraggio intensivi.

Monitorare rigorosamente la sicurezza del vaccino e identificare precocemente eventuali effetti collaterali rari, determinandone incidenza e fattori di rischio, sarà essenziale per attuare precauzioni o controindicazioni, come pure per fornire un’informazione attendibile e trasparente alla popolazione. La task force tratterà quindi aspetti fondamentali per garantire il successo del programma nazionale di vaccinazione. La nomina del prof. Ceschi nella task force permette di rafforzare la posizione dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera Italiana, dell’EOC, e del Cantone in questo campo la cui importanza è destinata ad aumentare nel prossimo periodo. Il Centro regionale di farmacovigilanza dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana – che fa parte, insieme ai cinque centri situati negli ospedali universitari d’Oltralpe, della rete svizzera di monitoraggio della sicurezza dei farmaci – potrebbe infatti assumere un ruolo prominente a livello nazionale nel sistema di monitoraggio, valutazione e elaborazione dei casi di reazioni avverse al vaccino COVID che è attualmente in fase d’affinamento presso Swissmedic.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Bertoli: «Berna è stata coerente: prima le vaccinazioni, poi le aperture»

    nuovi allentamenti

    Il presidente del Consiglio di Stato accoglie con soddisfazione le nuove misure di alleggerimento annunciate dal Consiglio federale e sottolinea la necessità di continuare a porre l’accento sulle vaccinazioni: «Procedere in questo modo permette di non fare il passo più lungo della gamba e al contempo fornire una prospettiva a tutta la società»

  • 3

    «Da una parte si apre, dall’altra rimane il telelavoro»

    Pandemia

    Il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni esprime dubbi sulle misure messe in consultazione dal Consiglio federale: «Poche aziende fanno i test regolari, dunque rimarrà l’obbligo di smart working: ora si guarda ai vaccini»

  • 4

    «Ogni giorno conta: non prolunghiamo l’agonia dei ristoranti»

    La reazione

    Il presidente di GastroTicino Massimo Suter commenta le decisioni del Consiglio federale in merito alla riapertura dei locali interni dei ristoranti a fine maggio: «Perché non già a Pentecoste?» - Posizione simile quella di GastroSuisse, che esprime comunque «sollievo» per la notizia

  • 5

    Trasportava troppa panna, multato un camionista

    Ticino

    Il veicolo era transitato dal San Gottardo con 19 tonnellate di bombolette aerosol contenenti panna alimentare, ma la quantità massima ammessa per transitare con questo tipo di merce nella galleria è di 8 tonnellate

  • 1
  • 1