«Il rischio per la Svizzera è di rimanere un’isola»

Trasporti

La presa di posizione di Pro Gottardo chiama la politica a un’azione immediata - Ratti: «AlpTransit non è completa»

«Il rischio per la Svizzera è di rimanere un’isola»
L’opera appena conclusa. ©CDT/Gabriele Putzu

«Il rischio per la Svizzera è di rimanere un’isola»

L’opera appena conclusa. ©CDT/Gabriele Putzu

Abbiamo festeggiato il cosiddetto completamento di AlpTransit come un traguardo. Un traguardo vero e proprio, non uno di quei passaggi intermedi attraversando i quali neppure bisognerebbe alzare le mani in segno di trionfo. Chi, lo scorso mese di settembre, in occasione del simbolico taglio del nastro all’entrata della galleria di base del Ceneri, ha esultato solo a metà è l’associazione «Pro Gottardo, ferrovia d’Europa», la quale nelle scorse settimane ha preso posizione proprio per fare il punto circa la situazione progettuale nel nostro Paese, in particolare - si leggeva nella nota - sulle procedure in materia di pianificazione delle grandi infrastrutture e del reale completamento di AlpTransit. L’associazione ricorda: «AlpTransit non è ancora completa».

«L’ultimo momento utile»

Il discorso,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Teatro e Musei sotto esame a Bellinzona

    Cultura

    La minoranza della Commissione della Gestione, formata da Lega e UDC, chiede un approccio maggiormente dinamico e trasparente nella conduzione operativa dei due enti autonomi

  • 2

    Le direttive del pg verranno pubblicate

    giustizia

    In futuro, documenti quali istruzioni, regolamenti di servizio e circolari saranno resi accessibili «ponderando gli interessi pubblici e privati» e in base alla competenza discrezionale del Ministero pubblico – Una richiesta in tal senso era stata avanzata in una mozione del PLR

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4
  • 5

    Promessa mantenuta: il negozietto riapre

    Castel San Pietro

    Il commercio in centro paese chiuso all’improvviso a inizio maggio riprende l’attività lunedì - Il Comune reputa il servizio indispensabile e si è adoperato per trovare dei nuovi gerenti - La sindaca Alessia Ponti: «Questa è anche una sorta di promessa sociale alla comunità»

  • 1
  • 1