Il sostegno di Unia alle misure del Governo

la reazione

Il sindacato saluta positivamente la decisione di prolungare la chiusura di cantieri e attività

Il sostegno di Unia alle misure del Governo
© CdT/Gabriele Putzu

Il sostegno di Unia alle misure del Governo

© CdT/Gabriele Putzu

In sindacato Unia Ticino e Moesa esprime il proprio sostegno alla risoluzione governativa odierna nel suo insieme, che «rappresenta l’unico mezzo per mantenere la chiusura quasi totale delle attività economiche non essenziali». «Nel contempo va però ribadito quanto il nostro sindacato va dicendo da settimane: l’unica arma adeguata a combattere la diffusione del coronavirus e assicurare la protezione della salute delle lavoratrici e dei lavoratori e della popolazione tutta è un arresto totale in tutta la Svizzera delle attività non essenziali», si legge in una nota.

«Dall’inizio della crisi - scrive il sindacato - le autorità sanitare non cessano di ripetere che la misura chiave contro la propagazione del virus è l’evitare gli assembramenti di persone. “Restate a casa!” si dice di continuo alla popolazione. Questa direttiva è da intendersi anche per i lavoratori e le lavoratrici, ovviamente! Coloro che lavorano nelle realtà produttive essenziali (principalmente medico, sociosanitarie, alimentare, e poche altre) devono invece continuare la loro attività, e lo fanno peraltro con una dignità e una forza che merita grande rispetto. La priorità deve dunque essere la loro protezione, senza se e senza ma, in modo completo e assoluto! Questo dovrebbe passare, tra le altre cose, anche attraverso la sospensione delle altre attività produttive, per ovvie ragioni».

«Il Ticino tutto ha chiaramente testimoniato sostegno a questa linea, le voci alzatesi sono state innumerevoli. Purtroppo, se la Confederazione ha concesso un leggero margine di manovra al Cantone, lo ha fatto fissando diverse condizioni. Due meritano oggi di essere sottolineate: che un’eventuale risoluzione governativa sia sottoposta ad approvazione di Berna, che da giorni chiedeva (sotto l’inaccettabile e vergognosa pressione della grande economia nazionale) un ammorbidimento del dispositivo e che la stessa fosse sostenuta dai partner sociali. Per questa ragione, e per questa ragione soltanto, il sindacato Unia ha sostenuto la posizione del governo cantonale, condivisa dai partner sociali», fanno sapere.

L’alternativa sarebbe stata una riapertura quasi generalizzata delle attività nel settore industriale e sui cantieri. «Un rischio inaccettabile contro il quale sarebbe stato de facto impossibile lottare: impossibile definire criteri di protezione, impossibile controllarli, impossibile lavorare in sicurezza». La soluzione alla quale il sindacato ha aderito «è quella di un regime di autorizzazione parziale sottoposta a criteri chiari e restrittivi. Potranno fare richiesta di lavoro, unicamente per attività non procrastinabili, e dopo valutazione dei partner sociali e decisione dello SMCC, soltanto una determinata cerchia di aziende industriali che presenteranno richiesta dettagliata e argomentata», evidenzia Unia.

«L’impegno di Unia è quindi chiaro: evitare che le modifiche apportate alla RG si trasformino in un meccanismo che garantisca la generale riapertura delle attività industriali, intervenendo nei gremi preposti a queste considerazioni. Oggi come ieri, la protezione della salute prima di ogni altra considerazione».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Paura? No, e poi senza mercato non si può stare»

    BELLINZONA

    Dopo quasi tre mesi di pausa forzata è tornato il tradizionale appuntamento del sabato nella Turrita - Le bancarelle in piazza del Sole, una decina, sono la grande novità - Numerosi i cittadini, anche se il pienone è solamente un ricordo

  • 2

    Assembramenti a Lugano, «non ci siamo!»

    Pandemia

    Il municipale Lorenzo Quadri diffonde le foto di gente che non rispetta il distanziamento e tuona: «La polizia non fa contravvenzioni, poi fanno cassetta coi radar per 5 km/h in più»

  • 3
  • 4

    Uno a zero per il polo sportivo, ma ci sono due nodi

    LUGANO

    La Commissione dell’edilizia appoggia la richiesta di credito di 14 milioni per la progettazione - Chiede però di trattare in altra sede il trasloco degli uffici comunali e di non «regalare» un milione ai privati

  • 5

    Mano tesa del Cantone alle capanne alpine

    il messaggio

    Su proposta del Dipartimento del territorio, il Governo intende stanziare mezzo milione di franchi per il rinnovo degli impianti di smaltimento delle acque di scarico – Sandro De-Stefani: «È una prima a livello ticinese, le richieste sono state ascoltate»

  • 1
  • 1