In arrivo undici celle femminili alla Stampa

carcere

Nel 2023 sarà pronta una sezione destinata alle detenute - Andreotti e Laffranchini: «Potranno lavorare e avere più libertà»

In arrivo undici celle femminili alla Stampa
© CdT/ Chiara Zocchetti

In arrivo undici celle femminili alla Stampa

© CdT/ Chiara Zocchetti

«Il problema, effettivamente, c’è: per le donne che eseguono una pena alla Farera le condizioni di detenzione non sono ideali, e le possibilità sono limitate rispetto a quelle degli uomini alla Stampa». La direttrice della Divisione della giustizia Frida Andreotti non usa giri di parole per descrivere la situazione delle donne incarcerate in Ticino, anche se si sta lavorando a una soluzione. Il problema - chiarisce - «è però limitato all’esecuzione della pena nel carcere chiuso», mentre la carcerazione preventiva e l’esecuzione della pena nel carcere aperto sono identiche per uomini e donne. Alla Farera, dice dal canto suo il direttore delle strutture carcerarie Stefano Laffranchini, «la situazione presenta una serie di svantaggi per le detenute rispetto agli uomini: meno opportunità formative,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Fuggi dalla prigione, ma è un videogioco

    La novità

    Niente auto, niente telefonini, un paesaggio irriconoscibile... Con la realtà virtuale si viaggia indietro nel tempo per scoprire segreti e storie del Castello di Locarno — Ecco i retroscena (e le persone) del progetto che ha vinto gli Swiss Game Awards

  • 2

    Braccialetto elettronico, si prova la sorveglianza attiva

    giustizia

    Da gennaio si parte con il monitoraggio passivo per gli autori di violenza domestica e stalking in ambito civile – Frida Andreotti: «Ripetute violazioni delle ordinanze restrittive possono avere conseguenze gravi» – Il Ticino vuole andare oltre e avvierà un progetto pilota sul piano penale

  • 3

    Frontalieri, l’accordo tolto dal cassetto

    confine

    Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge di ratifica dell’intesa siglata un anno fa - Il nuovo regime fiscale dovrebbe quindi entrare in vigore nel 2023 - Alessandro Alfieri: «Rispetteremo - gli impegni presi» - Andrea Puglia: «Da Roma un segnale istituzionale importante verso la Svizzera»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1