In due case anziani 89 positivi tra ospiti e personale

coronavirus

I focolai sono presenti nella strutture di Maggia e Castel San Pietro gestite dall’Opera Don Guanella - Morti 7 ospiti ultranovantenni

In due case anziani 89 positivi tra ospiti e personale
© CdT/Chiara Zocchetti

In due case anziani 89 positivi tra ospiti e personale

© CdT/Chiara Zocchetti

Quarantaquattro ospiti, su un totale di 115 letti, e 45 collaboratori sono risultati positivi al coronavirus a seguito di un’indagine a tappeto nelle case per anziani di Maggia e Castel San Pietro gestite dall’Opera Don Guanella. La struttura di Maggia ha anche registrato 7 decessi di ospiti ultranovantenni che presentavano «svariate patologie e uno stato di salute compromesso da tempo», conferma in un comunicato la direzione e il consiglio di fondazione Don Guanella che fa seguito alle informazioni divulgate dal Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) negli scorsi giorni.

«I residenti attualmente positivi, su un totale di 115 posti letto, sono complessivamente 44 – prosegue il comunicato –. Tra i collaboratori delle due strutture sono invece 45 i positivi». Secondo la direzione, «sin dalla scoperta del primo caso, un ultracentenario nel frattempo guarito, tutti i dipendenti e i collaboratori sono stati sottoposti a tampone. L’indagine a tappeto ha fatto emergere ulteriori positività e numerosi asintomatici. Immediatamente sono state messe in atto tutte le misure previste dai protocolli elaborati ed affinati in questi mesi».

Come misura preventiva, «tutti i residenti positivi sono stati trasferiti nei reparti Covid, di cui entrambe le strutture sono dotate, e, per ulteriore precauzione, anche chi è risultato negativo a un primo tampone, ma ha avuto contatti con un positivo, è stato trasferito in speciali ‘reparti quarantena’, appositamente predisposti».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Cosa ci aspetta ora?»

    Coronavirus

    Il medico cantonale Giorgio Merlani illustra tre possibili scenari sull’andamento della pandemia in Ticino nelle prossime settimane - VIDEO

  • 2
  • 3

    SUPSI nel mirino dei sindacati

    lavoro

    L’OCST analizza la situazione: «La nostra esperienza con diversi collaboratori ci restituisce l’immagine di una direzione del personale che non rende assolutamente giustizia all’enorme qualità del capitale umano lì impiegato»

  • 4

    Terapie intensive sotto pressione in Ticino

    Pandemia

    Il medico cantonale Giorgio Merlani: «Un 80.enne su tre finisce in cure intense» - Il capo della Gendarmeria Marco Zambetti: «Aumento di liti e risse, preoccupa la crescita di infortuni» - VIDEO

  • 5
  • 1
  • 1