In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

Emergenza

Aperti a Mendrisio, Lugano, Agno e Giubiasco dei centri di consultazione dedicati alla visita e alla presa a carico di pazienti potenzialmente affetti da coronavirus

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali
Il checkpoint COVID-19 di Agno. ©Repubblica e Cantone Ticino

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

Il checkpoint COVID-19 di Agno. ©Repubblica e Cantone Ticino

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

In Ticino quattro «Checkpoint COVID-19» ambulatoriali

Lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta (SMCC) ha annunciato che a partire da ieri e almeno fino al prossimo 24 aprile, sono aperti a Mendrisio, Lugano, Agno e Giubiasco dei centri di consultazione ambulatoriali dedicati specificatamente alla visita e alla presa a carico di pazienti potenzialmente affetti da COVID-19.

I pazienti potranno rivolgersi ai centri di consultazione ambulatoriale, aperti da lunedì a venerdì, dalle 8.00 alle 18.00, unicamente su indicazione telefonica dei medici di famiglia del territorio, del medico di picchetto, della hotline dell’Ordine dei Medici del Canton Ticino (OMCT), del Medico cantonale, dei Pronto soccorso ospedalieri, della Centrale d’allarme 144 o dalla Guardia Medica (091.800.18.28). Non è dunque permesso rivolgersi direttamente ai checkpoint su iniziativa individuale. Vale sempre il principio che chi presenta sintomi sospetti, si annuncia per telefono.

Questi presidi sanitari, denominati «Checkpoint COVID-19», hanno lo scopo di agevolare la diagnosi e la presa in carico di persone potenzialmente affette da COVID-19. La creazione di questi centri è stata giudicata opportuna tenuto conto dell’incremento dei casi sul territorio cantonale e delle crescenti sollecitazioni a cui sono sottoposti gli studi medici di famiglia e i pronto soccorso ospedalieri da parte di pazienti con sintomi che potrebbero indicare la positività al COVID-19. Grazie all’apertura di questi centri di consultazione ambulatoriali sarà possibile preservare maggiormente dal rischio di contagio gli studi medici, il loro personale e i pazienti che vi si recano.

Lo scopo dei checkpoint non è di effettuare il tampone nasofaringeo a pazienti asintomatici o pazienti che presentano sintomi sospetti. Il tampone sarà effettuato solo sulla base delle raccomandazioni dell’Ufficio Federale della salute pubblica e del Medico cantonale, che prevedono il test soltanto per le persone sintomatiche che presentano segni di gravità o che appartengono alle categorie vulnerabili con segni di gravità oppure per pazienti con sintomi tipici facenti parte del personale sanitario.

I centri, istituiti con il supporto dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC) e del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), sono gestiti dall’Ordine dei Medici del Canton Ticino, che è responsabile per l’organizzazione, il funzionamento e la disponibilità dei medici e del personale paramedico di supporto, di principio garantito dai medici interessati (un medico per struttura), ma anche messo a disposizione a titolo gratuito dall’EOC.

Le quattro sedi scelte, di proprietà comunale, sono state messe a disposizione a titolo gratuito dai rispettivi comuni e sono state debitamente approntate a livello di logistica e di attrezzatura dai servizi della Protezione civile al fine di poter garantire afflussi e percorsi adeguati e sicuri per i pazienti che vi si recheranno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1