Istituito il nuovo Centro per le Malattie Rare in Ticino

Sanità

L’EOC e l’Associazione Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana (MGR) istituiscono il nuovo Centro per le Malattie Rare per i pazienti della Svizzera italiana

 Istituito il nuovo Centro per le Malattie Rare in Ticino
©Shutterstock

Istituito il nuovo Centro per le Malattie Rare in Ticino

©Shutterstock

L’EOC e l’Associazione Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana (MGR) istituiscono il nuovo Centro per le Malattie Rare per i pazienti della Svizzera italiana. In una nota odierna dell’EOC si legge: «Il Centro Malattie Rare della Svizzera Italiana (CMRSI) assicura una presa in carico sanitaria e sociale attraverso l’indirizzamento e il coordinamento dei pazienti con sospetto di malattia rara la cui diagnosi è ancora sconosciuta. Il Centro funge anche da collegamento tra specialisti e medici del territorio. Ubicato in due sedi ospedaliere EOC (Lugano e Bellinzona) si indirizza sia a pazienti adulti che pediatrici ed è appena stato certificato a livello nazionale. Secondo i dati nazionali, si stima che in Svizzera 500 mila persone, il 7% della popolazione, circa 25000 persone in Ticino, siano affetti da una malattia rara. Purtroppo, il percorso per ottenere una diagnosi è spesso lungo e difficoltoso. Il Centro Malattie Rare della Svizzera Italiana, tramite un approccio multidisciplinare e una presa in carico centralizzata e coordinata delle cure dei pazienti con sospetto di malattia rara, si prefigge di confermarne (o escluderne) definitivamente la presenza. L’obiettivo è quello di stabilire una diagnosi corretta nel più breve tempo possibile e quindi di favorire la messa in atto dell’approccio terapeutico adeguato e un’immediata presa in carico sociale, migliorando, in questo modo, la prognosi e la qualità di vita dei pazienti colpiti da malattia rara. Questo Centro, sostenuto anche dal Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), si inserisce nella strategia nazionale sulle malattie rare avviata dalla Confederazione ed è appena stato riconosciuto al livello nazionale dalla KOSEK come uno dei nove centri certificati Svizzeri. La possibilità di disporre nella Svizzera italiana di una struttura per la presa in carico dei pazienti con sospetto di malattia rara permetterà ai medici curanti e agli specialisti di contare su un centro di riferimento per la presa in carico rapida ed efficace di questi pazienti.

Non da ultimo, oltre alla presa in carico clinica, i pazienti con una malattia rara necessitano di ascolto e assistenza sociale: aspetti legati alla vita quotidiana (aspetti assicurativi, scuola e lavoro, mezzi finanziari, aiuti domestici, ecc.) possono essere affrontati nel Centro grazie alla collaborazione e all’esperienza degli assistenti sociali della Associazione Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Livelli, sì del Governo alla sperimentazione

    Scuola

    L’Esecutivo propone al Gran Consiglio un emendamento al preventivo per mettere a disposizione 237.000 franchi per la fase di prova del superamento dei corsi A e B in terza media - Dopo due anni la valutazione potrebbe venir condotta da un ente esterno al DECS

  • 2

    Incendio in un take away a Massagno, due intossicati

    Lugano

    Le fiamme avrebbero avuto origine da una batteria in carica che ha poi sprigionato un fumo acre - Due persone che hanno inalato il fumo sono state soccorse dal personale sanitario della Croce Verde di Lugano, le loro condizioni non destano particolari preoccupazioni - FOTO e VIDEO

  • 3

    «Qualsiasi sarà l’esito del voto, occorrerà dialogare ancora»

    Aggregazioni

    Tra i padri dell’unione riuscita intorno a Faido, Roland David traccia un bilancio del progetto e consiglia i quattro Comuni della Bassa Leventina alle urne per la fusione il 13 febbraio: «Mantenere buoni rapporti sarà fondamentale» - E lancia un monito: puntare sui progetti senza dimenticare la prossimità ai cittadini

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1