L’e-commerce non spaventa più «Ma serve un portale ticinese»

SONDAGGIO

In anteprima i risultati di un’analisi di mercato tra i piccoli commercianti del cantone - Lorenza Sommaruga: «Con il primo lockdown la sensibilità è cambiata» - Buona parte dei negozi è pronta al cambiamento, servono però incentivi finanziari

L’e-commerce non spaventa più «Ma serve un portale ticinese»

L’e-commerce non spaventa più «Ma serve un portale ticinese»

I modelli di business stanno cambiando, così come le strutture dei costi e le fonti di guadagno. Lo abbiamo raccontato settimana scorsa con l’esperienza di GenèveAvenue, il portale di vendita online che riunisce 170 commercianti ginevrini. Ma qual è la situazione in Ticino? Il 20% dei commercianti ammette di non avere competenze digitali. La metà dice di comprendere le tematiche generali ma che non sarebbe in grado di gestirle nel suo negozio. Mentre il restante 30% sostiene di utilizzare l’e-commerce e il marketing online oramai da diversi anni. Ecco una prima fotografia del mondo dei commerci ticinesi in relazione alle nuove tecnologie di vendita online. «Volevamo capire in che misura il lockdown di marzo avesse cambiato la sensibilità del settore sul tema e quale fosse il grado di conoscenza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    «Dati contraddittori, serve un approfondimento»

    Lavoro

    Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia, sugli occupati in Ticino: «Difficile dare un’interpretazione» – Nel quarto trimestre il numero di posti nel cantone è diminuito del 4,4% mentre i lavoratori residenti all’estero su base annua sono aumentati dello 0,8% a 70.115 – Il trend diverso è in parte spiegabile con le differenti metodologie di calcolo delle statistiche

  • 3

    Quando la voglia di bici ti porta fra vigneti e prati

    Novazzano

    Si completa la rete di piste ciclopedonali che collega il comune ai due poli del Mendrisiotto – In pubblicazione il concorso per il progetto dal centro paese al Pian Faloppia - In luglio inizieranno i lavori per il percorso via alla Fornace-via al Loi-oratorio di Boscherina

  • 4

    «I castelli sono una gemma, e non chiamateli “Fortezza”»

    Bellinzona

    Commissione della Gestione compatta per la valorizzazione del patrimonio Unesco, la denominazione scelta però non convince - Promosso anche il Programma d’azione comunale che ridisegna il territorio da qui al 2040: «Mette i quartieri sullo stesso piano»

  • 5
  • 1
  • 1