L’EOC è attivo nella ricerca clinica contro il coronavirus

Medicina

La Clinical Trial Unit dell’Ente ospedaliero cantonale è stata accolta a pieno titolo nell’organizzazione svizzera di categoria

L’EOC è attivo nella ricerca clinica contro il coronavirus
© CdT/Gabriele Putzu

L’EOC è attivo nella ricerca clinica contro il coronavirus

© CdT/Gabriele Putzu

La Clinical Trial Unit (CTU) dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC) è stata accolta quale membro a pieno titolo dell’organizzazione accademica svizzera per la ricerca clinica. La decisione, alla quale ha contribuito la recente firma dell’accordo sulla ricerca fra l’EOC e l’Università della Svizzera italiana (USI), è stata presa durante l’ultima riunione del Comitato direttivo della SCTO, di cui fanno parte i cinque ospedali universitari svizzeri, l’Ospedale cantonale di San Gallo, l’Accademia svizzera delle Scienze Mediche e il Collegio dei Decani. La decisione della Swiss Clinical Trial Organisation (SCTO) assume una rilevanza particolare in questo periodo di emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19, perché la CTU-EOC ha assunto un ruolo attivo di promotore e sostenitore di studi nazionali e internazionali di ricerca sul coronavirus.

La SCTO coordina attualmente a livello svizzero gli sforzi dei principali ospedali nazionali nella ricerca sulla Covid-19. Sia a livello svizzero che internazionale sono stati avviati numerosi studi clinici sul virus e la SCTO incoraggia i ricercatori a unire le forze partecipando a progetti di ricerca clinica in modo coordinato, come raccomandato anche dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA). «Fungere da piattaforma centrale di riferimento, idealmente a livello cantonale, per promuovere e sostenere attivamente studi clinici di alto livello e coordinati con altri grandi centri svizzeri e internazionali è per noi come CTU-EOC un compito importante in questa fase di emergenza sanitaria. Il fine è quello di mettere a disposizione dei pazienti i trattamenti più all’avanguardia e contribuire a trovare la cura più efficace per questa malattia», afferma il professor Alessandro Ceschi, direttore della CTU-EOC.

Rafforzata la ricerca nella Svizzera italiana

Il riconoscimento della CTU-EOC quale membro a pieno titolo della SCTO rafforza in modo significativo la partecipazione della Svizzera italiana al contesto nazionale della ricerca clinica. «Questo riconoscimento - si legge in una nota dell’EOC - è importante anche in vista del Master in medicina umana che la Facoltà di Scienze Biomediche dell’USI avvierà in settembre e per il quale l’EOC sarà il principale partner clinico. La ricerca è infatti una dimensione di grande rilevanza per una Facoltà di medicina». E ancora: «L’appartenenza a pieno titolo nella SCTO costituisce anche un ulteriore passo avanti nel profilare l’EOC come ospedale di valenza universitaria».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Imprenditori decisi a lavorare per un Ticino forte e unito»

    aziende

    Alla 104. Assemblea della Camera di Commercio ribadita l’importanza del partenariato tra pubblico e privato - Andrea Gehri: «Ci vuole il supporto per creare benessere» - Christian Vitta: «Squadra per un territorio competitivo e che crede nei giovani»

  • 2
  • 3

    Ai pipistrelli non piace la movida

    Bellinzona

    Molto frequentata in estate, la golena è protetta e non può ospitare eventi prolungati e strutturati - Rumore e luce disturberebbero gli equilibri ecologici secondo il Cantone che ha messo il veto alla proposta di un promotore - Ma il Comune pensa ad una via di mezzo

  • 4

    «L’impegno di una vita, dalla parte giusta»

    La presentazione

    È fresco di stampa il libro dedicato al sindacalista e già copresidente di UNIA Renzo Ambrosetti - Il curatore Marco Tognola: «È un viaggio nella storia del movimento sindacale, uno spaccato della nostra società»

  • 5

    Niente tampone, niente lavoro

    Il caso

    Anche in Ticino alcuni operatori sanitari sono stati licenziati poiché, oltre a rifiutare il vaccino, hanno detto no pure al test salivare - Paolo Ferrari: «Chi lavora con i pazienti ha il dovere di farsi immunizzare» - Fabio Maestrini: «È mancato il coraggio politico di imporre l’obbligo»

  • 1
  • 1