L’estate in Ticino senza 72 mila turisti

Turismo

A livello nazionale il nostro cantone è quello che ha affrontato meglio l’impatto della pandemia assieme ai Grigioni e alla regione di Giura e Tre Laghi - Cali oltre il 70% a Ginevra e Zurigo

L’estate in Ticino senza 72 mila turisti
© CdT/Gabriele Putzu

L’estate in Ticino senza 72 mila turisti

© CdT/Gabriele Putzu

Quest’anno, secondo i dati comunque provvisori forniti dall’Ufficio federale di statistica (UST), nel corso del trimestre giugno-luglio-agosto la domanda di turismo alberghiero nel canton Ticino è diminuita di 72’020 arrivi e 32’417 pernottamenti, per un calo percentuale del 16.7% e del 3.5%, rispettivamente. Nel complesso, arrivi e pernottamenti alberghieri sono stati 359’926 e 903’249.

Domanda interna significativa

I movimenti turistici estivi, come quelli primaverili, risentono di fattori particolari in quanto sono stati chiaramente influenzati dalle restrizioni messe in atto sia a livello nazionale che internazionale per far fronte alla pandemia di coronavirus e, successivamente, dall’allentamento delle stesse. A luglio e ad agosto i pernottamenti alberghieri sono cresciuti in maniera importante dopo un quadrimestre (marzo-giugno) particolarmente negativo. In primo luogo, va sottolineato come il dato estivo sia ascrivibile per larghissima parte alla domanda interna, la quale ha generato l’82.6% del totale dei pernottamenti (nel 2019 era il 59.9%). Secondariamente, guardando la diversa dinamica di arrivi e pernottamenti, vale la pena sottolineare come a crescere sia stata la durata media di soggiorno, risultando essere più elevata rispetto al trend del periodo.

Nel panorama nazionale, il Ticino è una delle regioni turistiche che ha affrontato meglio l’impatto della pandemia nel corso dell’estate, assieme ai Grigioni (-2% di pernottamenti) e alla regione di Giura e Tre Laghi (-5.1%). Nel complesso delle rimanenti regioni turistiche la flessione delle presenze alberghiere è notevole, con cali dei pernottamenti fino al 76.4% a Ginevra e 72.3% a Zurigo. Rispetto al 2019, la Confederazione ha perso il 37.5% dei pernottamenti alberghieri tra giugno e agosto.

Il Ticino nel dettaglio

Tornando al canton Ticino, a livello di OTR si notano alcune importanti differenze. Le regioni del Bellinzonese (-19.7%) e Mendrisiotto (-21.1%) hanno generato cali importanti nelle presenze alberghiere nel corso dell’estate, ma vista la natura provvisoria dei dati e alcuni problemi riscontrati nel recente passato in merito alla notifica di arrivi e pernottamenti, appare più saggio sospendere i relativi commenti. Nel Luganese, al di là della provvisorietà dei dati, la tendenza negativa (-8.8%) è simile a quanto osservato in altre zone urbane svizzere con un calo dei principali indicatori generato, in larga parte, dall’assenza di arrivi dai mercati esteri. Infine, da sottolineare vi è il dato positivo dell’area del Lago Maggiore e Valli (+4.0%), regione che è riuscita a fare il pieno della domanda proveniente da oltre Gottardo, bacino storicamente affine alla regione del Sopraceneri e che, a causa della situazione incerta, ha preferito rivolgersi verso le destinazioni nazionali. Anche per le diverse categorie alberghiere si possono osservare due diverse tendenze: le strutture di categoria fino ai 3 stelle hanno generato un calo medio attorno all’8.5% mentre i 4 stelle (+0.9%) e 5 stelle (+25.5%) sono riusciti a registrare un aumento complessivo delle presenze estive. In particolare, le strutture a 5 stelle sembrano essere riuscite a intercettare nel migliore dei modi una domanda di turismo giocoforza plasmata dall’impatto del coronavirus.

In conclusione, come già accennato, la domanda proveniente dalla Confederazione è stata massiccia nel corso dell’estate, facendo registrare livelli di crescita del 15.7% negli arrivi e del 32.5% nelle presenze alberghiere, rispetto al 2019. Al contrario, la domanda estera continua ad essere in forte calo e nei tre mesi estivi ha generato il 57.7% di pernottamenti in meno rispetto al 2019.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Conti cantonali, priorità al taglio alla spesa

    politica

    Il Gran Consiglio ha approvato l’iniziativa di Sergio Morisoli (UDC) che chiede di raggiungere il pareggio del conto economico entro il 2025 contenendo le uscite - Accolto un emendamento del PLR che smussa la proposta e chiede di intervenire in via «prioritaria»e non esclusiva sulla spesa pubblica

  • 3

    La zanzara coreana è già in Ticino, e non è un problema

    Zanzare

    L’insetto più resistente al freddo si sarebbe diffuso in Lombardia - Eleonora Flacio, responsabile del Settore ecologia dei vettori alla SUPSI, spiega: «Nel nostro cantone è stata scoperta nel 2012 e per la popolazione non vi è alcun rischio: la tigre resta il vero problema»

  • 4

    Senza legname e inerti il laghetto riprende vita

    Morbio Inferiore - Balerna

    Costeranno oltre 300.000 franchi i lavori in corso per svuotare il bacino del Ghitello dal materiale alluvionale giunto a valle con il maltempo dell’estate – Obiettivi: maggior sicurezza e fruibilità dell’area

  • 5

    «Ho pagato un prezzo altissimo»

    LUGANO

    Le parole dell’ex presidente dell’UDC Paolo Clemente Wicht dopo il proscioglimento dalle accuse di truffa e appropriazione indebita e la condanna per amministrazione infedele, omissione della contabilità e falsità in documenti

  • 1
  • 1