L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»

social media

Su Instagram è comparso da poco l’account che ironizza sulla mai sopita rivalità fra i due quartieri di Arbedo-Castione con fotomontaggi vari

L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»
L’asino, simbolo di Arbedo. (Foto Instagram)

L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»

L’asino, simbolo di Arbedo. (Foto Instagram)

L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»
Le scuole elementari. (Foto Instagram)

L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»

Le scuole elementari. (Foto Instagram)

L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»
La Città che... cerca Arbedo-Castione, non aggregatosi. (Foto Instagram)

L’ironia corre sul web con «Arbedesemedio»

La Città che... cerca Arbedo-Castione, non aggregatosi. (Foto Instagram)

BELLINZONA - Nei social media si trova di tutto. Sia nel bene sia, purtroppo spesso, nel male. C’è chi crea account falsi appositamente per sputare odio sul web nella speranza di restare impunito. E ci sono invece coloro che la prendono sul ridere, dando vita a profili ironici. Ne è un esempio «Arbedesemedio» che da un mese abbondante è comparso su Instagram. Come suggerisce il nome, al centro delle foto pubblicate vi è Arbedo e non Castione. Anzi, alle persone residenti in quest’ultimo quartiere è «vietato l’ingresso».

Un divieto, naturalmente spiritoso, che fa leva sulla storica e mai sopita rivalità fra i due paesi che dal 1820 si sono uniti formando, appunto, il Comune di Arbedo-Castione. Ancora oggi, ad esempio, vengono organizzati due carnevali: da una parte Re Asnon (asino) e dell’altra Re Sciatt (ranocchio). E fino a poco tempo fa nello stesso campo sportivo giocavano due squadre di calcio. Pare una leggenda, ma effettivamente fra arbedesi e castionesi non sempre è corso buon sangue. Sta di fatto che «Arbedesemedio» cerca di sdrammatizzare tutto ciò. Sono 139 le persone che seguono l’account dove finora è stata pubblicata una ventina di fotomontaggi. Così troviamo la nuova Bellinzona che, trasformata in una simpatica scimmietta con le zampe spalancate, «cerca Arbedo-Castione tra gli aggregati». Oppure c’è un cittadino che in sella alla bici sta andando a fare la spesa in un supermercato di Castione, ma poi si ricorda che ce n’è uno anche ad Arbedo e quindi torna indietro senza transitare dal ponte sopra la Moesa. O, ancora, ecco un uomo che mostra al presidente americano Donald Trump un messaggio sul suo cellulare tranquillizzandolo: ha fatto la scorta di panettoni in una nota pasticceria arbedese. Infine, la più bella. La foto di un asino (simbolo di Arbedo) con la scritta: «Per voi sono asini, per noi fratelli».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Dati contraddittori, serve un approfondimento»

    Lavoro

    Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia, sugli occupati in Ticino: «Difficile dare un’interpretazione» – Nel quarto trimestre il numero di posti nel cantone è diminuito del 4,4% mentre i lavoratori residenti all’estero su base annua sono aumentati dello 0,8% a 70.115 – Il trend diverso è in parte spiegabile con le differenti metodologie di calcolo delle statistiche

  • 2

    Quando la voglia di bici ti porta fra vigneti e prati

    Novazzano

    Si completa la rete di piste ciclopedonali che collega il comune ai due poli del Mendrisiotto – In pubblicazione il concorso per il progetto dal centro paese al Pian Faloppia - In luglio inizieranno i lavori per il percorso via alla Fornace-via al Loi-oratorio di Boscherina

  • 3

    Potrebbe servire il fotofinish

    Elezioni comunali

    A Cadempino il PLR spera, visto l’addio del sindaco PPD Marco Lehner, di effettuare uno storico sorpasso - A Lamone i liberali radicali devono difendersi dalla crescita del Gruppo Civico e di Lega/UDC - A Torricella-Taverne è invece il GITT a partire in pole position

  • 4
  • 5

    Tra un «c’è chi sapeva tutto prima» e un «non è vero»

    IL CASO

    Ennesima puntata nella vicenda dei sorpassi di spesa a Bellinzona - Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi trasmette ai media le osservazioni finali dell’ex direttore del Settore opere pubbliche, nel frattempo trasferito a nuova funzione - Dal documento emergono incongruenze rispetto a quanto sostenuto dal Municipio - Il sindaco Mario Branda fa chiarezza

  • 1
  • 1