L’offensiva del PLR sul salario minimo: «Più verifiche»

gran consiglio

È quanto chiedono i liberali radicali tramite un emendamento in vista del dibattito – «Occorre assicurarsi che non si producano dinamiche negative sul mercato del lavoro»

L’offensiva del PLR sul salario minimo: «Più verifiche»
©CdT/Chiara Zocchetti

L’offensiva del PLR sul salario minimo: «Più verifiche»

©CdT/Chiara Zocchetti

È una seduta ricca di temi quella che prenderà il via questo pomeriggio a Palazzo delle Orsoline. Tra i punti all’ordine del giorno (32 per la precisione), a spiccare su tutti è l’ultimo tema, la nuova legge sul salario minimo. E proprio a questo proposito siamo in grado di anticiparvi il contenuto dell’ultimo di una serie di emendamenti che giungeranno sui banchi dei deputati. Il PLR, che non ha firmato il rapporto di maggioranza sostenuto da Lega, PS, Verdi e PPD, come annunciato presenterà delle modifiche volte a controllare gli effetti sul mercato del lavoro dell’introduzione del salario minimo.

Le modificheInnanzitutto il PLR tramite l’emendamento più atteso, che verrà descritto in aula dalla capogruppo Alessandra Gianella, chiede di anticipare al 1.luglio l’introduzione della misura (sei...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1