La democrazia diretta merita di meglio

Verso il 7 marzo

L’opinione del Consigliere di Stato Manuele Bertoli

La democrazia diretta merita di meglio
© CdT/ Chiara Zocchetti

La democrazia diretta merita di meglio

© CdT/ Chiara Zocchetti

«Chiunque, usando violenza o minaccia di grave danno contro una persona, o intralciando in altro modo la libertà d’agire di lei, la costringe a fare, omettere o tollerare un atto, è punito con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria». Quello che avete appena letto è l’art. 181 del Codice penale, che punisce da molti decenni il reato di coazione. Tra le coazioni punibili vi è naturalmente anche quella che un uomo infliggerebbe ad una donna obbligandola a portare un certo indumento, per esempio un burqa, sia in pubblico sia dentro le mura di casa.

Non ci vuole quindi l’iniziativa sulla quale andremo a votare il 7 marzo per difendere le donne eventualmente oggetto di coazione, perché questo reato la nostra legislazione lo conosce già da molto tempo. Il Codice penale offre a...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1