La febbre del sabato sera si sfoga in palestra

Pregassona

Partito anche a Lugano il progetto MidnightsSports, momento aggregativo riservato agli adolescenti

La febbre del sabato sera si sfoga in palestra
© CdT/Archivio

La febbre del sabato sera si sfoga in palestra

© CdT/Archivio

La febbre del sabato sera dei giovani luganesi si sfoga in palestra. È partito sabato a Pregassona, nella palestra delle Scuole medie, il progetto MidnightSports, momento aggregativo, ricreativo e sportivo promosso e gestito dalla Fondazione Idée Sport, sodalizio che da vent’anni in Svizzera e da dieci in Ticino riunisce il sabato sera migliaia di adolescenti nelle palestre comunali, togliendoli così dalla strada o dai pub e offrendo loro - gratuitamente - una sana alternativa alla noia e allo sballo. L’avvio di MidnightSports a Pregassona coincide dunque con il decimo anniversario di attività della Fondazione Idée Sport in Ticino; dieci anni che sono dovuti passare - per vari motivi - prima di vedere approdare anche a Lugano un modello di aggregazione e promozione sociale che s’è imposto in altre località cantonali, arrivando a coinvolgere il 70% delle palestre comunali e oltre 36.000 bambini e adolescenti che le frequentano ogni anno, da settembre a marzo, durante il fine settimana. Partita per rispondere alle esigenze di aggregazione dei ragazzi, utilizzando infrastrutture libere nel week-end come le palestre, la Fondazione Idée Sport ha allargato la propria offerta di intrattenimento e attività fisica anche alla domenica proponendo gli OpenSunday per bambini delle elementari e i MiniMove per i più piccoli, coinvolgendo in queste attività anche i genitori. «Siamo arrivati un po’ in ritardo, ma ora Lugano è l’unica in Ticino a proporre l’intero pacchetto di attività», ha sottolineato Stefanie Monastero, responsabile delle politiche giovanili della Divisione Prevenzione e Sostegno della città alla conferenza stampa di presentazione. Da tempo a Lugano infatti vengono proposte a Molino Nuovo, nella palestra delle comunali, gli OpenSunday (dai 6 agli 11 anni) mentre i MiniMove (dai 2 ai 5 anni) si svolgono nella palestra della scuola elementare di Bozzoreda, sempre a Pregassona. Mancava dunque l’offerta di Midnight, lacuna che appunto è stata colmata con l’apertura dalle ore 20 alle ore 23 di ogni sabato sera della palestra di Pregassona per giovani dai 12 ai 17 anni. Qui, con l’ausilio di junior e senior coach o monitori, si potrà giocare a basket, pallavolo, calcio e altri giochi di squadra, ma ci sarà spazio anche per musica, suonata da Dj o dagli stessi ragazzi, piuttosto che «session» di danza o l’organizzazione di eventi speciali. Il tutto senza esborsi o obbligo di frequenza.

Non mancherà la sensibilizzazione nei confronti delle dipendenze (alcool, fumo, droghe) con il progetto EverFresh, sempre promosso dalla Fondazione Idée Sport, lanciato in Ticino e meritevole al punto da essere stato preso da modello altrove in Svizzera, come ha sottolineato Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento sanità e socialità, presente con un videomessaggio all’inaugurazione del Midnight luganese. «Un progetto di prevenzione sostenuto ben volentieri dal Cantone e nel quale viene applicato l’approccio tra pari: all’inizio della stagione i giovani coach ricevono da professionisti adulti (Radix e Lega polmonare) una formazione approfondita al fine di sviluppare specifiche conoscenze e competenze. Questo permetterà loro, durante le serate di MidnightSports, di sensibilizzare i coetanei sul tema del consumo di sostanze che creano dipendenza e le conseguenze negative che ne derivano», ha detto De Rosa.

Oltre alla formula indovinata, permettere cioè ai ragazzi di avere a disposizione uno spazio coperto per divertirsi e sfogarsi, il tangibile successo dei MidnightSports lo si deve indubbiamente anche al rapporto che si instaura tra giovani coach e i loro coetanei durante le attività sportive – tassativamente non competitive - che si organizzano in palestra. «I nostri team in palestra, che gestendo le serate e i pomeriggi diventano co-protagonisti delle attività, - ha ricordato Giorgio Panzera, direttore svizzero della Fondazione Idée Sport - sono composti in prevalenza da giovani che hanno iniziato come partecipanti. L’interazione tra pari, l’identificazione, la capacità di ascolto e l’utilizzo dello stesso linguaggio fanno sì che insieme all’attività sportiva e al divertimento si instauri tra partecipanti e coach un vero rapporto d’amicizia, un continuo e costruttivo scambio di esperienze che fa crescere entrambi».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «L’abbraccio di mio figlio mi ha commosso»

    L’incontro

    Abbiamo incontrato Igor Righini nella sua casa a Pollegio dove ci ha raccontato l’addio al PS confidando passioni ed emozioni - «La politica fa parte di me, ma per quattro anni ho sacrificato tempo alla famiglia e al lavoro» - L’abbraccio del figlio e i cappelletti di Natale

  • 2

    Due Filarmoniche per un concerto magico

    MUSICA

    La prima esibizione dei sodalizi di Bellinzona e di Faido è stata un successo: si replicherà in media Leventina domenica 15 dicembre - Le due formazioni si distinguono nel panorama bandistico ticinese per la capacità di far musica assieme

  • 3
  • 4

    Il grido d’allarme del Mendrisiotto: «Troppo traffico, siamo al limite»

    lA LETTERA

    I sindaci di Mendrisio, Stabio, Chiasso, Novazzano e Vacallo scrivono ai colleghi del Luganese affinché facciano la loro parte per ridurre i disagi sulle strade: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio per inibire i posteggi abusivi e promuovere misure di sostenibilità aziendale»

  • 5
  • 1
  • 1