La pandemia e la salute mentale dei ticinesi

covid-19 e depressione

In Svizzera, negli ultimi 8 mesi, le persone con sintomi depressivi gravi sono raddoppiate - La situazione nel nostro cantone è altrettanto preoccupante? La parola alle esperte

La pandemia e la salute mentale dei ticinesi
CdT/Gabriele Putzu

La pandemia e la salute mentale dei ticinesi

CdT/Gabriele Putzu

La Federazione svizzera delle psicologhe e psicologi (FSP), insieme all’Associazione svizzera degli psicoterapeuti (ASP) e l’Associazione professionale svizzera della psicologia applicata (SBAP) ha rivolto venerdì 8 gennaio una lettera aperta al Consiglio federale. Secondo i dati riportati dallo Swiss Corona Stress Study, le persone in Svizzera con sintomi depressivi gravi sono raddoppiate negli ultimi otto mesi, passando dal 9% della popolazione nel corso della prima ondata al 18% durante la seconda.

In Ticino la situazione è altrettanto grave? Come si sono mosse le autorità per aiutare quanti si trovano psicologicamente in difficoltà a causa delle conseguenze della pandemia di COVID-19?

Ne abbiamo discusso con Manuela Vanolli, collaboratrice scientifica presso l’Ufficio del medico cantonale...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1