«La pigione sia pagata direttamente al locatore»

politica

A proporlo, in un’iniziativa parlamentare, sono i deputati dell’UDC Roberta Soldati, Daniele Pinoja e Lara Filippini, Tiziano Galeazzi, Sergio Morisoli, Edo Pellegrini e Paolo Pamini: «Ciò sgravarebbe l’apparato giudiziario»

«La pigione sia pagata direttamente al locatore»
© CdT/Chiara Zocchetti

«La pigione sia pagata direttamente al locatore»

© CdT/Chiara Zocchetti

I deputati dell’UDC Roberta Soldati, Daniele Pinoja e Lara Filippini (primi firmatari), Tiziano Galeazzi, Sergio Morisoli, Edo Pellegrini e Paolo Pamini hanno inoltrato un’iniziativa parlamentare generica in cui chiedono al Consiglio di Stato di modificare l'art. 25 LAS in modo da prevedere, in analogia come avviene per il pagamento diretto all'assicuratore per il premio di cassa malati, anche il pagamento diretto della pigione al locatore.

«Non di rado succede che i proprietari di immobili che concludono un contratto di locazione con persone a beneficio di prestazioni assistenziali, facciano fatica ad incassare gli importi delle pigioni», rimarcano gli iniziativisti. «Il codice delle obbligazioni prevede che in caso di ritardo nel pagamento del corrispettivo, il locatore debba dapprima procedere con una messa in mora e solo successivamente, in caso di mancato pagamento nel termine impartito, egli potrà notificare la disdetta straordinaria, che potrà essere oggetto di contestazione da parte del conduttore. Come noto, l’iter giudiziario può richiedere numerosi mesi se non anni, al termine del quale, il locatore spesso ottiene una sentenza che gli dà ragione, ma senza nessuna possibilità concreta di poter incassare le pigioni scadute. Non di rado, successivamente il conduttore si trasferisce altrove concludendo un nuovo contratto di locazione, adottando lo stesso modus operandi, senza rendersi conto che ciò potrà creare anche a lui gravi danni irreversibili. Una situazione debitoria precaria crea infatti in seno al conduttore il rischio di entrare in un vortice di procedure sfocianti in precetti esecutivi e attestati di carenza beni, che difficilmente egli potrà tacitare».

In alternativa, i deputati propongono che il pagamento diretto della pigione al locatore debba avvenire automaticamente «dal momento in cui il conduttore a beneficio di prestazioni assistenziali, é in mora nel pagamento della pigione di un mese, oppure laddove egli abbia a proprio carico degli atti esecutivi». L’importo della pigione che verrà versato al locatore «sarà quello stabilito dall’ufficio competente sulla in base ai parametri USSI».

Stando ai deputati democentristi, «questo permetterà al locatore di tutelare la sua proprietà ed evitare il pagamento di costi connessi a tutte le procedure tese all'incasso delle pigioni scadute; di sgravare l'apparato giudiziario e di tutelare il conduttore dal cadere nel vortice dei precetti e attestati di carenza beni, dal quale difficilmente egli ne uscirà».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Lavori in Centro a Lugano: c’è ancora da fare

    SERVONO 3,7 MILIONI

    Il Municipio chiede un nuovo credito per una serie d’interventi alle sottostrutture del Centro dopo gli 8,5 milioni già stanziati - Si tratta di opere necessarie che l’autorità comunale vuole anticipare per essere pronta quando verrà aperto il cantiere del tram

  • 2

    Si rallenta e si blocca per una mobilità a misura d’uomo

    Losone

    Il Consiglio comunale approva la chiusura al traffico di via Cesura che aveva diviso la Commissione opere pubbliche – L’operazione permetterà di creare una fascia fruibile e sicura fra l’attuale residenza per anziani e il futuro Centro polivalente – Sì anche alle Zone 30 nei quattro nuclei storici

  • 3

    L’addio all’ex Fernet-Branca è anche un nuovo inizio

    Chiasso

    Sono iniziate le opere di demolizione dello storico edificio - Una volta ultimate prenderanno il via i lavori di edificazione di un moderno centro amministrativo - Colombo-Regazzoni: «Riqualificherà l’area e fungerà da biglietto da visita per la cittadina»

  • 4

    «Ecco come trasformare la città da anatroccolo a cigno»

    IL CASO

    Bellinzona, dal Municipio che uscirà dalle urne il 18 aprile i presidenti della Società dei Commercianti e di Gastro auspicano agevolazioni visto il periodo pandemico, maggiore collaborazione e unità di intenti soprattutto in merito ai progetti

  • 5

    «È la benzina che manca»

    LOTTA AL VIRUS

    Il Consiglio di Stato ha illustrato le prossime tappe della campagna di immunizzazione - Due le novità annunciate: «Gli over 80 sulla lista d’attesa dei Comuni verranno contattati e da subito si entra nella fase 3, dedicata agli over 75, circa 17 mila persone»

  • 1
  • 1