«La serietà del pericolo, la speranza del vaccino»

l’intervista

Da oggi, e fino a fine febbraio, entrano in vigore le nuove chiusure decise dal Consiglio federale - Ma se i casi di infezione calano un po’ ovunque, perché chiudere di nuovo? Abbiamo chiesto una spiegazione a Enos Bernasconi, responsabile malattie infettive dell’EOC

«La serietà del pericolo, la speranza del vaccino»
© CdT/ Chiara Zocchetti

«La serietà del pericolo, la speranza del vaccino»

© CdT/ Chiara Zocchetti

Da oggi, e fino a fine febbraio, entrano in vigore le nuove chiusure decise mercoledì dal Consiglio federale. Chiusure sofferte, che hanno faticato e faticano tuttora a essere comprese dalla popolazione. Ci si chiede infatti come mai mettere in atto un’accentuata strategia di prevenzione nel momento in cui i nuovi casi di infezione scendono un po’ ovunque in Svizzera. Di più: la situazione negli ospedali, da inizio gennaio, è nettamente migliorata. Alla Carità di Locarno, ad esempio, negli ultimi giorni sono stati riorientati i reparti COVID in funzione della diminuzione del flusso di pazienti. Tutto bene, quindi? Sì. Ma allora, perché chiudere di nuovo? Abbiamo chiesto una spiegazione a Enos Bernasconi, responsabile malattie infettive dell’EOC.

Situazione non uniforme

«È vero, in questo momento...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1