«La successione di un’impresa va sostenuta e non tartassata»

Politica

Con un’iniziativa parlamentare il PLR chiede una riduzione del 75% dell’imposta sul trapasso delle aziende a parenti non stretti e terze persone - Cristina Maderni: «Una possibilità per trattenere i giovani talenti»

«La successione di un’impresa va sostenuta e non tartassata»

«La successione di un’impresa va sostenuta e non tartassata»

In Ticino, terra di piccole e medie imprese (PMI), la continuità aziendale tra una generazione e l’altra va maggiormente sostenuta. E per fare ciò occorre diminuire l’onere fiscale dovuto al trapasso di un’impresa anche quando avviene a favore di parenti non stretti oppure di terze persone. È quanto propone il PLR con un’iniziativa parlamentare presentata oggi dalla deputata Cristina Maderni e dal presidente Alessandro Speziali. La proposta, in estrema sintesi, chiede una modifica della Legge tributaria per evitare che la fiscalità diventi un ostacolo insormontabile alla continuità generazionale di un’azienda. Detto in parole povere: oggi il passaggio di un’azienda a un parente stretto (genitore o figlio) non pone particolari problemi dal punto di vista fiscale; tuttavia, quando la successione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Livelli, dopo la delusione si pensa alle urne

    Scuola

    All’indomani della bocciatura in Parlamento, la VPOD ha pronta un’iniziativa popolare per abolire i corsi A e B - Il testo sarà discusso lunedì sera durante una riunione - Anche il PS proporrà una consultazione interna

  • 2

    La cassa nera dei doganieri

    Giustizia militare

    Iniziato il processo a carico dell’ex comandante delle Guardie di confine Mauro Antonini e dell’ex capo dello Stato maggiore - Sono accusati di aver creato e alimentato per circa settemila franchi sull’arco di un decennio un fondo a disposizione del comando all’insaputa di Berna

  • 3
  • 4
  • 5

    Marco Noi lascia il Legislativo

    ISTITUZIONI

    Bellinzona, il consigliere comunale del gruppo Verdi-FA-MPS-POP si è dimesso per «ragioni d’ordine personale» - La prima subentrante è Lorenza Giorla

  • 1
  • 1