La truffa dei profili Instagram clonati arriva in Ticino

Social

Diverse le segnalazioni di utenti fake perfettamente uguali a quelli veri: ecco come scoprirli e cosa fare

 La truffa dei profili Instagram clonati arriva in Ticino

La truffa dei profili Instagram clonati arriva in Ticino

BELLINZONA - Si moltiplicano in Ticino le segnalazioni di profili Instagram clonati. Il nuovo trucchetto social con cui si cerca di «rubare» il numero di telefono di un utente. Ma come funziona la truffa? Ignoti rubano l’immagine profilo e il nickname di un utente, creando poi una pagina a prima vista perfettamente uguale a quella presa di mira (in realtà il nickname differisce lievemente da quello originale). Dopo averlo fatto iniziano a seguire gli stessi contatti presenti nella lista del profilo clonato e, una volta che si ricambia «l’amicizia», inviano un messaggio privato in cui chiedono il numero di telefono. Il trucchetto è insidioso perché molte volte ci si dimentica delle persone seguite su Instagram e, vedendo la richiesta di quello che spesso è un nostro conoscente, capita distrattamente di fidarsi di questi fake. Il consiglio è quello di entrare nel profilo in questione e controllarlo: solitamente è molto spoglio, ha solo un paio di foto e pochi follower. Se vi capita di smascherare uno di questi furbastri cercate di contattare l’utente a cui hanno copiato la pagina, dicendogli di mettere in guardia tutti i suoi contatti, cosicché non diano il proprio numero di telefono a ignoti.

Per chi avesse segnalazioni da fare: [email protected] o sulla nostra pagina Facebook, commentando il post relativo a questa notizia

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Grandine e neve sul Ticino

    Maltempo

    Un fronte freddo sta attraversando la regione alpina – MeteoSvizzera agli automobilisti: «Attenzione, con le schiarite è molto alto il rischio di formazione di ghiaccio»

  • 2
  • 3
  • 4

    Quando una vecchia fabbrica diventa ostello

    Progetti

    Il Municipio di Faido pensa di riconvertire lo stabile industriale ex Galvanica in struttura per associazioni sportive, fondazioni e scuole: stimati cento posti letto - Si mira ad attingere al fondo cantonale da 10 milioni per il recupero di edifici dismessi

  • 5

    Chiude la statale Regina, la Val Mara corre ai ripari

    Viabilità

    I valichi di Gandria (in primis) e di Arogno si preparano al possibile arrivo degli automobilisti italiani - Tra nuovi e vecchi cantieri, per gestire il flusso stradale sarà potenziata la presenza di pattuglie e agenti di sicurezza

  • 1
  • 1