«Le due anime della Lega sono un punto di forza»

politica

L’intervista con il nuovo capogruppo in Gran Consiglio della Lega, Boris Bignasca - Con lui il Movimento di via Monte Boglia recupererà l’anima più «barricadera»?

«Le due anime della Lega sono un punto di forza»
© CdT/Archivio

«Le due anime della Lega sono un punto di forza»

© CdT/Archivio

Dopo lo «strappo» con Michele Foletti, Boris Bignasca è stato scelto dai parlamentari leghisti quale nuovo capogruppo in Gran Consiglio. Ora la Lega tornerà ad essere più «barricadera»? Ne abbiamo parlato con il diretto interessato.

Da Michele Foletti a Boris Bignasca. Da un rappresentante della Lega istituzionale e quella più barricadera. Come cambierà, se cambierà, la linea del gruppo in Gran Consiglio?

«In ogni gruppo parlamentare la linea da tenere sui temi importanti viene discussa dai deputati e, quando è il caso, votata a maggioranza. Al capogruppo compete l’onore e l’onere di proporre una visione, fare una sintesi tra le varie posizioni e portare, nei consessi previsti, la decisione finale del gruppo».

Il suo predecessore era più portato ad alleanze politiche con i liberali, lei ha iniziato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1