A Caviano un tetto che spicca sugli altri

Gambarogno

Festa ai Cento Campi per il restauro dell’unico edificio del Ticino con una copertura in paglia – Rinnovata una tradizione antichissima - Targa di ringraziamento all’agricoltore Walter Keller

 A Caviano un tetto che spicca sugli altri
(Foto ERSLVM)

A Caviano un tetto che spicca sugli altri

(Foto ERSLVM)

Negli anni ’60 del secolo scorso sembrava stesse per essere perduta per sempre, segnando il destino di quelle che, fin dal Medioevo, erano delle costruzioni molto comuni in tutto il Ticino e non solo. Ma fortunatamente così non è stato. Recuperata per tempo, l’antica tradizione dell’impiego della paglia di segale per la copertura di edifici rurali viene ancora oggi tramandata sui monti di Caviano, nel Gambarogno. Proprio ai Cento Campi è possibile ammirare l’unica cascina con il tetto di paglia presente in tutto il Ticino. Realizzato nel 1997 e tutelato a livello locale, il raro manufatto è stato recentemente oggetto di restauro. I risultati dell’opera di risanamento sono stati sottolineati domenica scorsa con una festa, che è stata anche occasione per ringraziare Walter Keller, l’agricoltore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 2

    La politica riparte dal Palexpo

    Locarno

    Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

  • 3

    Corse ogni 30 minuti tra Locarno e Intragna

    Ferrovia

    Firmato un accordo tra le FART e l’Ufficio federale dei trasporti che rientra nel progetto di rinnovo e potenziamento della rete delle Centovalli e di quella nazionale

  • 4

    Lifting per il simbolo dell’idroelettrico

    Locarno

    Restauro da 14,5 milioni di franchi in vista per la sede amministrativa dell’OFIMA – L’edificio risale agli anni Sessanta ed è stato firmato dal rinomato architetto Paolo Mariotta – Struttura innovativa per la sua epoca, è oggi un bene culturale protetto a livello cantonale

  • 5

    La Città pensa a chi ha la passione ma non l’orto

    Locarno

    È pronto il progetto per la creazione dei primi sedici appezzamenti coltivabili nella zona della Morettina – Ulteriori spazi potrebbero essere ricavati davanti al Parco Robinson ma tutto dipenderà dalle nuove priorità d’investimento

  • 1
  • 1