A Locarno è ora di tornare a fare le formiche

Palazzo Marcacci

Il Legislativo approva il Preventivo 2019 cosciente della necessità di attuare nuove misure di risparmio – Preoccupazioni per le sopravvenienze quasi esaurite e per la situazione della cassa pensioni

 A Locarno è ora di tornare a fare le formiche
(foto Maffi)

A Locarno è ora di tornare a fare le formiche

(foto Maffi)

LOCARNO - Sopravvenienze in via d’estinzione, debito pubblico in aumento, grado di autofinanziamento, strategie di risparmio. Questi alcuni dei temi evidenziati lunedì sera dai consiglieri comunali di Locarno nel discutere i conti preventivi 2019 della Città, approvati con 26 voti favorevoli, 6 contrari, 2 astensioni e l’invito a trasformarsi da cicale in formiche . Conti che per l’anno venturo prospettano un avanzo d’esercizio di 33.410 franchi (che se confermato a consuntivo sarà il 14. utile di fila), frutto di uscite pari 86,8 milioni e di entrate per 46,6 milioni di franchi. Per un fabbisogno di imposta di 40,2 milioni. Per quanto concerne gli investimenti, in conto vi sono misure e opere per 19,3 milioni (14,9 al netto di contributi e sussidi). Di cui 4,6 milioni destinati ai vari progetti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1