A sorpresa si rianima lo stabile ex Canetti

Locarno

Un take-away al posto di un negozio nel vetusto edificio che ospitava la storica osteria in piazza Grande

A sorpresa si rianima lo stabile ex Canetti
In uno dei locali del vetusto stabile da anni abbandonato aprirà un take-away. © CdT

A sorpresa si rianima lo stabile ex Canetti

In uno dei locali del vetusto stabile da anni abbandonato aprirà un take-away. © CdT

Una palazzina con tre vetrine che s’affacciano su piazza Grande, mestamente chiuse da almeno cinque anni. E altrettanti negozi che danno su via Duni, anch’essi da tempo svuotati. E soprattutto il cortile interno dove fino a qualche anno fa si gustava, al fresco del portico, un buon bicchier di vino chiacchierando o giocando a carte. Il vetusto e un po’ decadente stabile che ospitava l’ex Cantina Canetti, di proprietà dell’imprenditore di origine iraniana Rahim Houshmand, però, si sta rianimando. Sono già in corso dei lavori di sistemazione di uno dei negozi con ingresso dalla piazza, occupato un tempo dalla Coltelleria Bianda, che sarà trasformato in un take-away con vendita di prodotti alimentari. La domanda di cambiamento di destinazione d’uso del negozio è pubblicata dallo scorso 11 gennaio all’albo comunale: è lo Janisthis’s Shop & Take-Away di via Marcacci che sta trasferendo la propria attività in piazza Grande, ridando vita appunto allo stabile che ospitava la storica osteria.
Edificazione in stallo

La palazzina, lo ricordiamo, fu al centro di un paio di progetti ultramilionari per la realizzazione di 45 appartamenti per anziani autosufficienti e, al pian terreno, diverse attività tra cui anche una nuova osteria che doveva prendere il «testimone» dal Canetti. Chiusura dello storico locale contro la quale s’era alzata la levata di scudi di una petizione che raccolse oltre 6.000 firme. I progetti immobiliari, uno dei quali, il più recente, firmato da Mario Botta, sono però ancora in stallo tra opposizioni e lungaggini burocratiche, ci spiega Houshmand. «Piuttosto che lasciare chiuse le serrande ho deciso di affittare i locali al take-away», conferma al CdT.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «Semkì per ascoltarvi: diteci cosa vi serve»

    Locarno

    Entra nel vivo la prima portineria di quartiere che sarà aperta in città dall’Associazione Rusca e Saleggi – Durante il mese di marzo previsti incontri per capire le esigenze e le disponibilità degli abitanti e per trovare operatori (con invito speciale ai candidati alle elezioni)

  • 3

    Fumata nera e altra proroga sul lago

    Verbano

    Ancora nessun accordo sulla futura gestione del bacino svizzero fra le società svizzera e italiana di navigazione: si continuerà a discutere fino a fine marzo e il servizio sarà comunque garantito secondo gli attuali parametri

  • 4

    Golf, dei reclami «temerari»

    Il caso

    Il botta e risposta tra il club patriziale di Ascona e l’associazione nazionale rivela l’incomprensione che sta alla base del «blitz» di Polizia nelle due strutture del Locarnese - Già a inizio mese si ventilava l’idea di non rispettare quanto indicato da Swiss Golf

  • 5

    Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

    Locarno

    Novità in vista per il centralissimo comparto cittadino: Raiffeisen amplierà la propria sede occupando gli spazi dell’ex Cartoleria Mazzoni – In fase preliminare un progetto sulla stessa proprietà per una nuova palazzina dove si insedierebbe un negozio Coop Pronto con stazione di servizio

  • 1
  • 1