All’interno della stazione spaziale rimanendo in piazza Castello

Locarno

Viaggio virtuale sulla ISS grazie alla «vecchia» cabina di proiezione del Pardo, allestita appositamente dallo studio Bonalumi

All’interno della stazione spaziale rimanendo in piazza Castello
Un fotogramma del film di Félix Lajeunesse e Paul Raphaël.

All’interno della stazione spaziale rimanendo in piazza Castello

Un fotogramma del film di Félix Lajeunesse e Paul Raphaël.

Il Locarno Film Festival decolla verso l’infinito, scrivendo un nuovo capitolo della storia dell’iconica cabina di proiezione di piazza Grande. In giornate in cui i viaggi spaziali riempiono le cronache, assieme al Pardo sarà infatti possibile visitare la Stazione spaziale internazionale (ISS) restando nella rotonda di piazza Castello. Grazie al progetto pensato insieme al Geneva international film festival e realizzato dalla Bonalumi Engineering, la vecchia cabina di proiezione sarà teatro di un’incredibile esperienza di realtà virtuale, che permetterà di assaporare in un modo assai particolare il film «Space Explorers: The ISS Experience». Si tratta della più imponente produzione cinematografica mai realizzata fuori dall’atmosfera terrestre grazie a due macchine da presa rimaste in orbita in accordo con la NASA per girare all’interno della ISS. Oltre 200 ore di filmati da cui, poi, a Montreal i Félix & Paul Studios hanno sintetizzato i due episodi che saranno presentati al pubblico di Locarno: Adapt (29’) e Advance (33’).

Un’icona rivisitata
Teatro dell’esperienza sarà un’icona della kermesse pardata: la cabina di proiezione di piazza Grande. La scatola nera, che per l’occasione la Bonalumi Engineering ha trasformato in un piccolo grande spazio per la realtà virtuale. La prima, ideata nel 1971 da Livio Vacchini e oggi posata al Parco Robinson. Poi, nel 1990, la seconda edizione firmata Rolando Ulmi. Nel 2006 infine la terza e attuale versione, perfezionata proprio da Alessandro Bonalumi, che con il suo studio ora ha ripreso la cabina di Ulmi per renderla il massimo dell’esperienza virtuale.

Certificato COVID obbligatorio
Esperienza che si potrà vivere dal 30 luglio al 14 agosto, in oltre 180 proiezioni tra le 10.30 e mezzanotte. Potranno accedere, gratuitamente, sei persone alla volta con certificato COVID obbligatorio. Prenotare indispensabile attraverso l’App ufficiale di Locarno74 o sul sito del Festival.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «È omicidio colposo, va scarcerato»

    IL PROCESSO

    La difesa contesta il pesante atto d’accusa di assassinio nei confronti del 32.enne alla sbarra per il delitto di Muralto - «Ha provocato la morte della sua partner, ma non voleva ucciderla»

  • 3

    Pionieri dell’audiovisivo quando quasi non se ne parlava

    Formazione

    Due chiacchiere con il direttore Domenico Lucchini nell’anno in cui il CISA a Locarno ha superato il record storico di studenti – Passato, presente e futuro alla vigilia del trentesimo, mentre si è aperto da poco il concorso per la ricerca di un nuovo timoniere

  • 4

    Continuità e stabilità per le scuole comunali

    Locarno

    Il Municipio spiega i motivi che l’hanno spinto a conferire un mandato per l’anno in corso alla direttrice, sebbene abbia raggiunto l’età della pensione – Molti i cambiamenti in atto in un periodo reso ancor più complicato dalla pandemia

  • 5

    Un uccellino in volo dall’Alaska al delta della Maggia

    La curiosità

    Decine di ornitologi alla foce del fiume dove nei giorni scorsi è atterrato un gambecchio, specie mai vista prima nel nostro paese – La presenza del volatile a Locarno riporta d’attualità la questione del livello delle acque del Verbano

  • 1
  • 1