Arriva il no ai jet sul Piano di Magadino

proteste

WWF della Svizzera italiana, Pro Natura Ticino e Ficedula si oppongono al progetto di adeguamento dell’infrastruttura dell’Aerodromo di Locarno-Magadino

Arriva il no ai jet sul Piano di Magadino
CdT/Archivio

Arriva il no ai jet sul Piano di Magadino

CdT/Archivio

WWF della Svizzera italiana, Pro Natura Ticino, Ficedula e le rispettive organizzazioni nazionali hanno inoltrato opposizione contro il progetto di adeguamento dell’infrastruttura dell’Aerodromo di Locarno-Magadino. Sono molti gli aspetti contestati dalle associazioni, ma su tutti vi è l’impatto dei jet. Gli enti denunciano l’incompatibilità dei voli con la protezione delle Bolle di Magadino: «Troppo rumorosi per una regione a vocazione residenziale e turistica e molto pericolosi per l’elevato rischio di birdstrike (il risucchio di uno o più uccelli nel reattore)». Le associazioni chiedono quindi il divieto assoluto, mentre il regolamento pubblicato permetterebbe addirittura di aumentare fino a 10 volte i voli attuali.

L’aspetto centrale: vietare i jet

«Malgrado due perizie sul birdstrike eseguite in modo indipendente da due massimi esperti del settore giungano alle stesse conclusioni - indicando l’aerodromo di Magadino altamente a rischio a causa della sua vicinanza con la riserva di protezione della natura delle Bolle - la direzione dell’aerodromo insiste sul fornire dati inattendibili sui casi di collisione tra aerei e uccelli a Magadino, minimizzando in modo irresponsabile il rischio. Salvo poi eseguire dal 2016, dopo la pubblicazione delle perizie, misure dissuasive verso l’avifauna come lo sparo di petardi e l’allontanamento attivo degli uccelli», si legge nella nota.

Tra i casi più importanti - segnalano - vi è stato, nell’agosto 2018, quello dello stormo di cicogne (il più grande mai osservato in Svizzera) allontanato a forza malgrado il loro diritto a sostare all’interno della riserva protetta. «Queste misure sono illegali e hanno peggiorato l’impatto dell’attività dell’aerodromo sull’avifauna, in chiaro contrasto con le richieste del Consiglio Federale» ribadisce l’opposizione formulata dalle associazioni.

Inoltre l’appello delle organizzazioni ambientali evidenzia che i voli di jet costituirebbero solo l’1% dei movimenti potenziali dell’aerodromo, «un’attività decisamente marginale ma dall’impatto devastante».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    L’Alternativa per Gordola

    Elezioni

    Il gruppo dell’area della sinistra ecologista si ripresenta alle elezioni – In corsa il municipale uscente e consigliere nazionale Bruno Storni

  • 3
  • 4

    Una terza corsia tutta per gli autobus

    Locarno

    Il Municipio chiede un credito di poco superiore ai 710 mila franchi per un intervento che si rende necessario in vista della rivoluzione del trasporto pubblico in programma a dicembre - L’opera sarà realizzata sul Lungolago Motta

  • 5

    Resta il vincolo dei ciottoli per il futuro di piazza Grande

    Locarno

    Approvato a larga maggioranza il credito per il concorso di progetto che ridisegnerà gli spazi pubblici del centro urbano - Respinti invece vari emendamenti, fra i quali anche quello che chiedeva di non porre limiti per la futura pavimentazione

  • 1
  • 1