Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

Locarno

Novità in vista per il centralissimo comparto cittadino: Raiffeisen amplierà la propria sede occupando gli spazi dell’ex Cartoleria Mazzoni – In fase preliminare un progetto sulla stessa proprietà per una nuova palazzina dove si insedierebbe un negozio Coop Pronto con stazione di servizio

Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio
Il terreno interessato dal progetto preliminare è situato dietro la sede della Banca Raiffeisen, all’estremo limite di piazza Muraccio, fra il PalaCinema e via Luini. ©CdT/Gabriele Putzu

Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

Il terreno interessato dal progetto preliminare è situato dietro la sede della Banca Raiffeisen, all’estremo limite di piazza Muraccio, fra il PalaCinema e via Luini. ©CdT/Gabriele Putzu

Piazza Muraccio a Locarno si appresta a cambiare volto. In che misura lo determinerà un progetto attualmente in fase preliminare e che potrebbe mutare i contorni dello slargo, situato in zona centralissima, a poche decine di metri da piazza Grande. Un’area dove, peraltro, sono già in corso diverse metamorfosi, sull’onda della riqualifica della contigua via Luini, il cui cantiere è in pieno svolgimento.

Novità sul lato ovest

Ad essere toccata dalle novità in piazza Muraccio è, in modo particolare, la proprietà che si trova sul suo lato ovest. Quella, per intenderci, che fino ad alcuni decenni fa aveva ospitato (con il suo caratteristico porticato) il negozio di ferramenta e casalinghi Frigerio, con i relativi magazzini e depositi. La storia di quest’ultimo risale ai primi decenni del secolo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3

    Una Pasqua da record mette in quota l’estate

    Cardada

    Oltre 5.600 passeggeri durante le ultime vacanze primaverili, ma anche i primi tre mesi invernali hanno fatto il pieno - Nessun contagio registrato tra i frequentatori degli impianti di risalita - Un fitto calendario di eventi già pronto in vista dell’allentamento delle misure sanitarie anti-COVID-19

  • 4

    «Per evitare la chiusura noi siamo pronti a mediare»

    Bosco Gurin

    Comune preoccupato dopo le decisioni del Patriziato e l’aut aut sugli impianti ribadito da Giovanni Frapolli - Il sindaco Alberto Tomamichel: «Ovviamente l’assemblea è sovrana ma forse una riflessione sul futuro è ancora possibile»

  • 5
  • 1
  • 1