Chiuso il concorso d’idee per palazzo Tondü

centovalli

Cinque dei diciotto progetti inoltrati saranno selezionati per passare alla fase successiva

Chiuso il concorso d’idee per palazzo Tondü
© CdT/Archivio

Chiuso il concorso d’idee per palazzo Tondü

© CdT/Archivio

Il 31 gennaio si è chiuso il concorso d’idee lanciato dalla Fondazione Casa Tondü di Lionza per la destinazione e gestione dello storico monumento sito nelle alte Centovalli.

«Una trentina di interessati ha richiesto il formulario d’iscrizione e 18 hanno inoltrato un dossier», riporta la Fondazione in un comunicato. «Diversi di questi lo hanno fatto dopo aver visitato e valutato il Palazz nel suo potenziale e contesto. Diverse anche le tipologie di destinazione proposte, fra cui spiccano per importanza numerica quelle culturali, turistiche e quelle che abbinano entrambe».

«L’obiettivo», ricorda la Fondazione, «è quello di trovare una destinazione della struttura economicamente sostenibile e durevole nel tempo e il suo potenziale gestore».

Carattere pubblico del concorso

«Nel rispetto della creatività e dell’immaginazione che ogni partecipante ha potuto sviluppare, la Fondazione ha voluto porre alcuni vincoli oltre a quello inderogabile della conservazione della materia in conformità allo statuto di bene storico e tutelato del manufatto. Si chiede infatti che la destinazione mantenga anche un carattere pubblico, affinché la struttura prevista dialoghi con il territorio e contribuisca alla rinascita socioculturale dell’alta valle».

«I progetti inoltrati sono stati trasmessi alla giura che si è già trovata a metà febbraio per definire il proprio modo di procedere nella selezione. Entro fine aprile saranno individuati al massimo 5 progetti che avranno un ulteriore accompagnamento per meglio sostanziare la proposta. Fra questi verrà scelto il progetto vincente che riceverà un premio di 20.000 franchi che permetterà un successivo e maggior sviluppo della proposta. La Fondazione auspica che grazie al concorso lanciato si arrivi finalmente dopo anni di lavoro a dare un futuro a palazzo Tondü grazie ad un’idea vincente concreta e economicamente virtuosa, che possa trovare accoglienza e sostegno presso l’ente pubblico», conclude il comunicato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «Semkì per ascoltarvi: diteci cosa vi serve»

    Locarno

    Entra nel vivo la prima portineria di quartiere che sarà aperta in città dall’Associazione Rusca e Saleggi – Durante il mese di marzo previsti incontri per capire le esigenze e le disponibilità degli abitanti e per trovare operatori (con invito speciale ai candidati alle elezioni)

  • 3

    Fumata nera e altra proroga sul lago

    Verbano

    Ancora nessun accordo sulla futura gestione del bacino svizzero fra le società svizzera e italiana di navigazione: si continuerà a discutere fino a fine marzo e il servizio sarà comunque garantito secondo gli attuali parametri

  • 4

    Golf, dei reclami «temerari»

    Il caso

    Il botta e risposta tra il club patriziale di Ascona e l’associazione nazionale rivela l’incomprensione che sta alla base del «blitz» di Polizia nelle due strutture del Locarnese - Già a inizio mese si ventilava l’idea di non rispettare quanto indicato da Swiss Golf

  • 5

    Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

    Locarno

    Novità in vista per il centralissimo comparto cittadino: Raiffeisen amplierà la propria sede occupando gli spazi dell’ex Cartoleria Mazzoni – In fase preliminare un progetto sulla stessa proprietà per una nuova palazzina dove si insedierebbe un negozio Coop Pronto con stazione di servizio

  • 1
  • 1