Coglio, l’area della frana rimane chiusa

LOCARNESE

Lunedì inizieranno i lavori di messa in sicurezza e ripristino – Solo al termine la strada comunale e i sentieri della zona montana potranno essere riaperti

Coglio, l’area della frana rimane chiusa
A Coglio si è staccato dalla montagna un centinaio di metri cubi di materiale. © Rescue Media

Coglio, l’area della frana rimane chiusa

A Coglio si è staccato dalla montagna un centinaio di metri cubi di materiale. © Rescue Media

Rimarranno chiusi fino a nuovo avviso la strada comunale e i sentieri della zona montana di Coglio, che sabato scorso sono stati teatro di un grosso franamento. A comunicarlo, ieri in serata, il Municipio di Maggia.

I lavori di ripristino
Ancora difficile stimare la durata della chiusura dell’area. Bisognerà attendere il termine dei lavori di messa in sicurezza e di ripristino, previsti – si aggiunge nella nota dell’Esecutivo – a partire da lunedì 9 dicembre. Da segnalare che nel frattempo la piazza di deposito dei rifiuti verrà provvisoriamente spostata nei posteggi davanti al palazzo comunale di Coglio. «Alla cittadinanza si chiede pazienza e il rispetto delle indicazioni fornite dalle competenti autorità», conclude il Municipio ringraziando gli abitanti per la comprensione che vorranno dimostrare.

Stabili danneggiati
Il franamento, lo ricordiamo, è avvenuto sabato mattina poco prima delle 11 in una zona conosciuta per la sua instabilità e per questo già teatro di importanti lavori di premunizione e di protezione. A staccarsi dalla montagna una centinaio di metri cubi di materiale, composto per lo più da grossi massi. Massi che hanno distrutto il tetto di un rustico, ormai da demolire, e danneggiato quello di una vicina casa di vacanza. Nessuno è rimasto fortunatamente ferito, poiché gli stabili erano in quel momento vuoti e poiché sui sentieri sovrastanti la zona non vi erano passanti. Un sasso di un metro cubo circa, infine, aveva oltrepassato la strada comunale, che è appunto stata chiusa all’istante come l’intera area.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Neonatologia agli onori

    Bellinzona

    Dopo un’attenta analisi, il Servizio dell’ospedale San Giovanni ha ricevuto il certificato IIb – Presi a carico neonati e piccoli prematuri a partire dalle 32 settimane di gravidanza

  • 2

    Per le scuole medie sopracenerine tanti cantieri in arrivo

    Educazione

    Tra Bellinzonese, Locarnese e le rispettive valli numerose sedi necessitano di importanti interventi - DFE e DECS lavorano su due livelli: progettazioni e opere - A Biasca entro una decina d’anni prevista la ricostruzione completa

  • 3

    Velodromo cantonale: ormai è volata a due

    PROGETTO

    Tenero-Contra e Losone sono le pretendenti più accreditate per accogliere l’impianto di Ticino Cycling - Il primo Comune sembra in vantaggio visto che ospita il Centro sportivo nazionale della gioventù - Ma tutto dipende dal prezzo dei terreni

  • 4

    Lavizzara: «Nessuna guerra sui posti letto»

    Anziani

    Il Municipio prende posizione dopo che il dibattito sulla casa di riposo si è riacceso: «Cevio è venuto meno agli accordi» - Si invoca un confronto diretto per uscire dall’impasse

  • 5

    «Pronto Swisscom?» La Vallemaggia ti... chiama

    IL CASO

    L’Associazione dei Comuni scrive all’operatore segnalando gli «importanti problemi di ricezione a livello di telefonia mobile» - Disagi che per una regione turistica possono avere «gravi conseguenze»

  • 1
  • 1