Con il sole, è tutto un altro Festival

LOCARNO74

Il meteo ha graziato la giornata odierna e Locarno è tornata ad animarsi per le strade e nei bar, in attesa della proiezione in Piazza Grande – «Così ha tutto un altro sapore, finalmente siamo tornati»

Con il sole, è tutto un altro Festival
© CdT

Con il sole, è tutto un altro Festival

© CdT

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Con il sole, è tutto un altro Festival

Ogni edizione del Locarno Film Festival che si rispetti ha la sua buona dose di pioggia. E le mantelline che spuntano in Piazza Grande, quando le luci si spengono, hanno un fascino che raramente la gente di cinema ha visto altrove. C’è anche da dire, però, che vivere la kermesse con tutto il suo contorno nelle giornate di sole ha un sapore diverso. Ce lo conferma chi oggi passeggia per la città. «Dopo tanta pioggia e freddo, ci voleva una giornata così. Mi sembra di essere tornata ai vecchi tempi, prima della pandemia - ammette una donna sorseggiando un caffè -. Oggi Locarno ha tutto un altro sapore».

Non che per vedere i film serva il sole, intendiamoci, ma attorno alle sale cinematografiche e alle proiezioni c’è tutto un universo legato al Festival che attende di essere vissuto dal suo pubblico. E anche chi non è meteoropatico gode della magia che il sole sa dare, tra vetrine, tavoli e sedie a macchie. Pure discutere della pellicola appena vista indossando le lenti scure e sorseggiando una bibita fresca dà all’esperienza tutto un altro sapore. «Ora, qui e oggi, sento che il Festival è davvero iniziato. E dopo un’edizione ibrida non vedevamo l’ora di ributtarci nella magia del cinema», confessa un gruppetto di ragazzi molto giovani. Qualcun altro, con un sorriso a trentadue denti, indossa l’ultimo gadget acquistato: le infradito pardate.

Insomma, il sindaco Alain Scherrer ha portato fortuna. «Oggi abbiamo il sole nel cuore - ci ha detto ieri sera -, domani speriamo anche in cielo». E, stando a MeteoSvizzera, almeno fino a sabato sera il cielo dovrebbe sorridere alla sua piazza. Per la gioia di locarnesi, turisti, cinefili e assidui frequentatori della Rotonda.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1