Dietro le quinte degli autobus e dei trenini blu

Locarno

Porte aperte sabato per le Ferrovie autolinee regionali ticinesi – Previsti diversi spazi informativi, visite, concorsi e offerte speciali

Dietro le quinte degli autobus e dei trenini blu
Tra le varie attività anche visite al garage, dove saranno esposti i nuovi articolati MAN e numerose componenti meccaniche.

Dietro le quinte degli autobus e dei trenini blu

Tra le varie attività anche visite al garage, dove saranno esposti i nuovi articolati MAN e numerose componenti meccaniche.

Le Ferrovie autolinee regionali ticinesi (FART) apriranno le porte al pubblico sabato 21 settembre dalle 10 alle 16. Sarà l’occasione per scoprire il motore di un’azienda storica, che – oltre a trasportare milioni di passeggeri ogni anno sui propri bus e sui treni della ferrovia Locarno-Domodossola – ha appena annunciato un investimento di 16,3 per 32 nuovi veicoli a basse emissioni. Il dietro le quinte delle FART sarà inoltre condito da un pranzo offerto, concorsi, promozioni speciali e gadget.

Sabato, dunque, sarà possibile accedere all’officina di Ponte Brolla e al settore Infrastrutture e linea, che si occupano della manutenzione dei treni e della linea ferroviaria, garantendo qualità e sicurezza di trasporto. Visitando l’esposizione di materiale rotabile, di apparecchiature e attrezzi di lavoro, ci si potrà confrontare con i responsabili del settore e consultare i pannelli informativi allestiti per l’occasione. Alla stazione di Muralto, oltre all’esposizione di materiale rotabile storico, saranno invece organizzate visite guidate alla centrale di comando e ai locali di sicurezza. Un infopoint dedicato ed espositori che aderiranno alla manifestazione arricchiranno ulteriormente l’offerta. Sempre a Muralto, la biglietteria FART accoglierà i visitatori con un concorso a premi, gadget e offerte speciali. Nella sede amministrativa di S. Antonio a Locarno sarà poi possibile visitare il garage, dove saranno esposti i nuovi articolati MAN e numerose componenti meccaniche. Presente il personale e anche pannelli informativi. Mentre nella sede centrale di via Galli 9, sempre in città, sono previste visite guidate alla centrale bus e alla centrale termica. Una sala polivalente proporrà inoltre contributi audiovisivi e un modello in scala della ferrovia. Presenti in loco anche un infopoint dedicato alla ricerca di nuovo personale conducente, il veicolo itinerante Arcobaleno e l’area di ristorazione, dove sarà offerto il pranzo a base di bratwurst e tomino. Infine, da segnalare che sarà possibile partecipare all’evento, spostandosi tra Muralto e Ponte Brolla con i mezzi pubblici. Basta scaricare il biglietto gratuito sul sito www.centovalli.ch, sul quale si trova anche il programma completo della giornata.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 3

    La politica riparte dal Palexpo

    Locarno

    Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

  • 4

    Corse ogni 30 minuti tra Locarno e Intragna

    Ferrovia

    Firmato un accordo tra le FART e l’Ufficio federale dei trasporti che rientra nel progetto di rinnovo e potenziamento della rete delle Centovalli e di quella nazionale

  • 5

    Lifting per il simbolo dell’idroelettrico

    Locarno

    Restauro da 14,5 milioni di franchi in vista per la sede amministrativa dell’OFIMA – L’edificio risale agli anni Sessanta ed è stato firmato dal rinomato architetto Paolo Mariotta – Struttura innovativa per la sua epoca, è oggi un bene culturale protetto a livello cantonale

  • 1
  • 1