Dove non ruggirà il Pardo lo faranno i dinosauri

Locarno

S’inaugura oggi in piazza Castello il parco giurassico dove si muovono (davvero) una trentina di rettili giganti in grandezza naturale

Dove non ruggirà il Pardo lo faranno i dinosauri
Un brontosauro passeggia nella rotonda di piazza Castello. ©CdT/Gabriele Putzu

Dove non ruggirà il Pardo lo faranno i dinosauri

Un brontosauro passeggia nella rotonda di piazza Castello. ©CdT/Gabriele Putzu

Dove non ruggirà il Pardo lo faranno i dinosauri
Un po’ inquietante circolare in questi giorni nella giratoria del centro locarnese. ©CdT/Gabriele Putzu

Dove non ruggirà il Pardo lo faranno i dinosauri

Un po’ inquietante circolare in questi giorni nella giratoria del centro locarnese. ©CdT/Gabriele Putzu

Circolare in questi giorni nella rotonda di piazza Castello a Locarno poteva essere inquietante. Bastava distrarsi un attimo e spostare lo sguardo verso il centro della rotatoria per trovarsi di fronte il muso di un brontosauro dagli occhi vivaci e intento a scuotere la testa. Allucinazioni? Assolutamente no. Solo le prove generali di quella che le autorità cittadine, gli operatori turistici e gli organizzatori (la GE Events di Gabriele Censi) hanno presentato come l’evento estivo della città. «Là dove non ruggirà il Pardo del Locarno Film Festival – ha chiosato Benjamin Frizzi, direttore marketing dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli – lo faranno i dinosauri». Accanto a lui e a Censi, a presentare il «Dinosaurs Park» il sindaco di Locarno Alain Scherrer, il direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta, la curatrice dell’esposizione Vania Tonello e la paleontologa (attiva al museo dei fossli del Monte San Giorgio) Paola D’Agostino. È stata quest’ultima a condensare l’entusiasmo dei presenti per la mostra, offrendo uno spaccato di un mondo affascinante, «rispeto al quale noi siamo nuovi, recentissimi». L’esperta (grazie alla quale sarà possibile effettuare visite guidate, da prenotare) ha definito «scientificamente molto curati e aggiornati» i grandi e impressionanti rettili semoventi.

Didattica e interattiva

L’esposizione (di cui già abbiamo riferito il 30 giugno e che aprirà oggi alle 15) offre anche spunti didattici e interattivi (come la possibilità di scavare alla ricerca di fossili). Ideata negli Stati Uniti, rimarrà a Locarno fino al 20 settembre. In luglio si potrà visitare dal martedì al venerdì dalle 15 alle 21, il sabato, la domenica e i festivi dalle 10 alle 21. Diversi eventi speciali sono già in programma; il primo è previsto il 31 luglio, con un’apertura notturna e l’esplorazione del parco alla luce delle torce. Un evento, insomma, adatto a tutta la famiglia e per settembre si sta già pianificando visite aperte alle scolaresche. Info su www.dinosaurspark.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Sembra andare meglio alle «Maldive di Milano»

    Territorio

    La Fondazione Verzasca valuta positivamente l’effetto delle misure introdotte a metà luglio per gestire il forte afflusso di visitatori: «II nostro messaggio è stato recepito» - Secondo Alessandro Speziali i residenti hanno capito che senza turismo la valle non ha un futuro - LE FOTO

  • 2
  • 3

    Prendono vita le opere di Vincenzo Vela

    Arte

    Riproduzione in 3D delle sculture a Locarno e Giornico grazie all’iniziativa di Philippe Antonello e Stefano Montesi e in onore del bicentenario della nascita

  • 4

    Sarà mica un sole quello: «Che degrado»

    LOCARNO

    Interrogazione interpartitica sull’astrovia, il percorso che si snoda dalla Città per arrivare fino a Tegna, lungo le rive della Maggia - Con degli «interventi semplici» si può rimediare alle condizioni di «deterioramento» nelle quali si trova la passeggiata di 6 chilometri

  • 5
  • 1
  • 1