Dramma di Solduno: il 20.enne resta in carcere

LOCARNESE

Il giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato la misura restrittiva della libertà nei confronti del cittadino svizzero domiciliato nel canton San Gallo

Dramma di Solduno: il 20.enne resta in carcere
© Rescue Media

Dramma di Solduno: il 20.enne resta in carcere

© Rescue Media

Il giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC) ha confermato la misura restrittiva della libertà nei confronti del 20.enne cittadino svizzero domiciliato nel canton San Gallo che giovedì sera ha sparato alla sua ex fidanzata, in via Vallemaggia 51a, a Solduno. A riferirlo è il Ministero pubblico.

L'inchiesta, coordinata dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri, prosegue. Le ipotesi di reato mosse nei confronti del 20.enne sono di tentato assassinio, subordinatamente tentato omicidio intenzionale.

Ieri, fortunatamente, la vita della 22.enne ticinese ferita con un colpo di fucile è stata dichiarata non più in pericolo. Il difensore del giovane, l’avvocato locarnese Fabio Bacchetta-Cattori, ha parlato di un ragazzo «psichicamente instabile da molto tempo. Tanto che verrà eseguita una perizia psichiatrica». Fatto sta che si era mostrato minaccioso già nel luglio scorso, quando aveva inviato all’ex fidanzata un video che lo ritraeva mentre sparava. Allora nei suoi confronti era stato intimato un divieto di avvicinarsi alla ragazza. Un divieto che, ancora una volta, si è dimostrato essere una misura totalmente inefficace.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3

    Una scuola dai piedi d’argilla che andrebbe presto riconvertita

    Infanzia

    L’analisi della Commissione della gestione di Locarno a margine dell’ennesima richiesta di credito per interventi alla sede dei Saleggi – Un complesso di grande pregio architettonico (firmato da Livio Vacchini) edificato però 50 anni fa sopra una discarica – Al Municipio si chiede ora di affrontare il problema alla radice

  • 4
  • 5

    Una giudice in missione per l’ONU

    La storia

    La losonese Elena Catenazzi inviata nella Repubblica centraficana quale membro della Corte penale speciale istituita sotto l’egida delle Nazioni Unite per istruire i processi riguardanti numerosi crimini contro l’umanità – «Più lo conosco e più mi convinco che è questo il continente del futuro»

  • 1
  • 1