Dubbi su tre antenne di telefonia

Locarno

Diversi consiglieri comunali interrogano il Municipio circa la domanda di costruzione inoltrata da Swisscom per la sostituzione di tre impianti: «Documentazione poco chiara, implicano il passaggio al 5G?»

Dubbi su tre antenne di telefonia
Un’antenna 5G già presente a Locarno. © CdT/Chiara Zocchetti

Dubbi su tre antenne di telefonia

Un’antenna 5G già presente a Locarno. © CdT/Chiara Zocchetti

La domanda di costruzione, inoltrata da Swisscom per la sostituzione di tre antenne di telefonia mobile a Locarno, non convince il consigliere comunale Marko Antunovic (Verdi) e altri otto colleghi di Legislativo di tutti i partiti. Così, mediante un’interrogazione, si chiede al Municipio di fare chiarezza.
E il nodo principale è il seguente: «Le tre antenne in parola verranno sostituite con la tecnologia 5G?». Stando agli interroganti, infatti, l’incarto prodotto dal gigante della comunicazione sarebbe «poco chiaro» e non permetterebbe al cittadino, che non per forza è uno specialista di nuove tecnologie, di comprendere se la domanda di costruzione implichi appunto il passaggio al 5G per le tre antenne, situate su terreni delle FART (zona in Selva-via Franzoni 1). «Lo scrivente ha appurato personalmente che non è esplicitato se si tratti di tecnologia 5G, ma dalle schede tecniche prodotte risultata evidente che lo possa essere», spiega Antunovic nell’interrogazione, ricordano che secondo un’indagine di bonus.ch il 75% dei ticinesi si è dichiarato sfavorevole all’introduzione di questa tecnologia, preoccupato per possibili effetti negativi sulla salute, che – va però aggiunto per dovere di cronaca – non sono dimostrati.
La Swisscom sta mancando di rispetto verso i locarnesi, poiché nella documentazione allegata all’istanza non è comprensibile ciò che realmente intende realizzare», rincara ancora il consigliere comunale. Cosa, questa, che andrebbe a collidere con «il diritto di opposizione di tutti gli abitanti di tutto il comprensorio toccato».
Quindi, nel caso si trattasse realmente di 5G: «Il Municipio è al corrente della mancanza di trasparenza degli incarti? Intende procedere per rendere comprensibile la documentazione a tutti i cittadini?».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Il Vanilla annuncia lo stop: «È una scelta che prendiamo con dolore»

    RIAZZINO

    La discoteca, alla luce della situazione epidemiologica e delle restrizioni, ha deciso di chiudere – Dal punto di vista logistico non è possibile mettere a disposizione sufficienti posti a sedere e purtroppo non è neppure realistico riuscire a imporre l’uso della mascherina in una pista da ballo così grande e capiente – «Dobbiamo fare la nostra parte»

  • 2

    Per la sezione PPD una guida da trovare in fretta

    Locarno

    Dopo le dimissioni del presidente Alberto Akai parte subito la ricerca del nuovo timoniere – Tra i papabili il già municipale Marco Pellegrini, che conferma la sua disponibilità – Giuseppe Cotti: «Potrebbe dare un contributo importante»

  • 3
  • 4

    Gatta da pelare per il PPD: Akai lascia la presidenza

    Locarno

    Mossa inaspettata del presidente della sezione cittadina che ha rassegnato le dimissioni, anche dal Consiglio comunale, per motivi personali e familiari – Giuseppe Cotti: «Rispettiamo la decisione, stiamo lavorando per la successione»

  • 5
  • 1
  • 1