Duello politico sul palcoscenico del Teatro di Locarno

Pianificazione

Salvare l’attuale edificio o vincolare solo l’area? Divergenze d’opinione anche fra i capigruppo in Consiglio comunale

Duello politico sul palcoscenico del Teatro di Locarno
Per chi suggerisce di attendere, l’area del teatro dovrebbe essere compresa nella riqualifica di piazza Grande e Largo Zorzi. ©CdT/Archivio

Duello politico sul palcoscenico del Teatro di Locarno

Per chi suggerisce di attendere, l’area del teatro dovrebbe essere compresa nella riqualifica di piazza Grande e Largo Zorzi. ©CdT/Archivio

Costruito nel 1902, dopo decenni di fasi alterne, dal 1990 sul suo palcoscenico sono andati regolarmente in scena drammi e commedie con i protagonisti più disparati. Ultimamente in cartellone ha fatto il suo ingresso anche la realtà, dando vita ad una «singolar tenzone» fra le forze politiche e le istituzioni cittadine. Non cessa insomma di far discutere il futuro del Teatro di Locarno, o meglio l’eventuale tutela dello storico edificio che lo ospita. Dopo che nei giorni scorsi (vedi CdT di ieri) l’Associazione degli amici ha nuovamente preso posizione – ribadendo la sua richiesta di salvaguardare lo stabile e opponendosi a un eventuale vincolo sulla sola area come intenderebbe proporre la Commissione Piano regolatore (PR) – abbiamo interpellato sul tema i capigruppo in Legislativo. Consiglio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 2

    La politica riparte dal Palexpo

    Locarno

    Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

  • 3

    Corse ogni 30 minuti tra Locarno e Intragna

    Ferrovia

    Firmato un accordo tra le FART e l’Ufficio federale dei trasporti che rientra nel progetto di rinnovo e potenziamento della rete delle Centovalli e di quella nazionale

  • 4

    Lifting per il simbolo dell’idroelettrico

    Locarno

    Restauro da 14,5 milioni di franchi in vista per la sede amministrativa dell’OFIMA – L’edificio risale agli anni Sessanta ed è stato firmato dal rinomato architetto Paolo Mariotta – Struttura innovativa per la sua epoca, è oggi un bene culturale protetto a livello cantonale

  • 5

    La Città pensa a chi ha la passione ma non l’orto

    Locarno

    È pronto il progetto per la creazione dei primi sedici appezzamenti coltivabili nella zona della Morettina – Ulteriori spazi potrebbero essere ricavati davanti al Parco Robinson ma tutto dipenderà dalle nuove priorità d’investimento

  • 1
  • 1