Locarno

È collaborativo l’uomo finito dietro le sbarre

Il quarantenne cubano accusato di tentato omicidio per l’accoltellamento di via della Pace sta cooperando con le autorità per fare luce sull’accaduto – Anche stupefacenti sullo sfondo delle indagini

È collaborativo l’uomo finito dietro le sbarre
I fatti si sono svolti in via della Pace, nei pressi del Pretorio. (Foto Archivio CdT)

È collaborativo l’uomo finito dietro le sbarre

I fatti si sono svolti in via della Pace, nei pressi del Pretorio. (Foto Archivio CdT)

LOCARNO – Starebbe collaborando con le autorità inquirenti il quarantenne cubano finito dietro le sbarre sabato scorso per l’accoltellamento avvenuto in via della Pace a Locarno, nei pressi del Pretorio. Su di lui gravano le accuse di tentato omicidio e, subordinatamente, tentate lesioni gravi. E il giudice dei provvedimenti coercitivi, ricordiamo, già lunedì aveva confermato l’arresto...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3
    centro culturale

    Elisarion: la rinascita di una rarità

    Il Municipio di Minusio chiede un credito di 2,2 milioni per ristrutturare uno dei soli tre edifici templari della Svizzera - Il cantiere al via nel 2020, mentre nel cassetto vi sono vari altri progetti

  • 4
  • 5
    Debarcadero di Locarno

    Un ristorante liberty affacciato sul lago

    Ristrutturato e gestito dalla Società Navigazione Lago di Lugano il locale di proprietà della Città accanto all’attracco dei battelli - Concessione per cinque anni rinnovabili

  • 1