Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Incendio

Secondo i pompieri di Locarno la situazione è ora sotto controllo, ma il forte vento ha reso difficoltose le operazioni di spegnimento sia via terra che via aria, toccati già 5 ettari di terreno boschivo - LE FOTO

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»
©RescueMedia

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

©RescueMedia

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»

(Aggiornato alle 17.54) La situazione relativa all’incendio boschivo sopra Cugnasco può ritenersi normalizzata. Lo comunicano i pompieri di Locarno, specificando che al momento ci sono 27 militi impegnati sul terreno, appoggiati da 3 elicotteri civili. Grazie al lavoro via terra e via aria si è riusciti per ora ad evitare che il fuoco raggiungesse un bosco a valenza protettiva. Si è rilevato fondamentale il bacino artificiale situato in zona monti di Ditto, che ha permesso di ridurre di parecchio il tempo tra le rotazioni degli elicotteri, accelerando il loro lavoro. Non si segnala nessun pericolo accorso alle abitazioni, inoltre sono risultate tutte disabitate.

Nelle prossime ore viene organizzato un picchetto notturno che rimarrà a guardia fuoco fino a domani, quando all’alba, verosimilmente, riprenderanno i lavori in quota.

L’incendio, lo ricordiamo, era divampato attorno alle 12.50 di oggi nel bosco in zona monti della Gana, sotto il Sassariente, sopra Cugnasco. Il fuoco, scoppiato a un'altitudine di circa 1400 metri copra il livello del mare, ha interessato finora una superifice di circa 5 ettari.
Il forte vento ha reso difficoltose le operazioni di spegnimento sia via terra che via aria, in quanto modifica continuamente il perimetro interessato dalle fiamme.

Si tratta del quarto incendio in poche ore dopo quelli di Lavertezzo, della zona fra Bedano e Torricella e quello nel Malcantone (vedi tra i suggeriti). Gli ultimi due, proprio come quello attuale nel Locarnese, hanno interessato una zona boschiva. Al momento sono impegnati sul terreno 15 militi della sezione di montagna del Corpo pompieri Tenero - Contra, 3 militi della sezione di montagna e 2 urbani del Corpo civici pompieri Locarno. Sono impiegati inoltre 3 elicotteri civili per spegnimenti dall'alto e per proteggere i boschi circostanti.

Fiamme nei boschi sopra Cugnasco, «situazione normalizzata»
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Red. Online
Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    «Lascio una squadra affiatata»

    Locarno

    Il vicesindaco della Città Paolo Caroni, che ha deciso di non ricandidarsi alle imminenti elezioni, racconta la sua lunga esperienza vissuta all’interno del Municipio – Dai progetti andati in porto alle visioni disegnate per il futuro, sottolinea lo spirito che l’Esecutivo ha saputo costruire

  • 5

    Una preziosa perla salvata e tutta da scoprire

    losone

    Si sta concludendo l’operazione di restauro degli affreschi quattrocenteschi nella chiesa di San Giorgio – Ora il pubblico potrà tornare nell’antico coro per ammirare i dipinti attributi dagli esperti alla nota Bottega dei Seregnesi

  • 1
  • 1