Gambarogno

Fortificazioni, un patrimonio da riscoprire

Sulla sponda sinistra del Verbano nasce un’associazione di appassionati che vuole ridare vita a queste opere militari dimenticate e per molti sconosciute

Fortificazioni, un patrimonio da riscoprire
Un forte di Magadino, esempio di struttura da salvaguardare.

Fortificazioni, un patrimonio da riscoprire

Un forte di Magadino, esempio di struttura da salvaguardare.

GAMBARGONO – Il territorio del Gambarogno è caratterizzato dalla presenza di decine di opere fortificate, un patrimonio storico ed architettonico, le cui prospettive possono essere importanti. Per raccontare la storia di questi luoghi, per non disperdere una ricchezza oggettiva e per sviluppare idee che ne garantiscano un futuro si è così costituito un gruppo di appassionati. Si chiama Associazione fortificazioni Gambarogno ed è nata con la volontà di salvaguardare il patrimonio ticinese delle costruzioni militari di tutte le epoche, in particolar modo quelle presenti nella regione, appunto, del Gambarogno. «L’associazione – si legge in una nota – si sta impegnando attivamente per ridare vita a queste opere militari dimenticate e per molti sconosciute, valorizzandole, rendendole accessibili al pubblico». «Riteniamo che il trascorso militare rappresenti un pezzo di storia importante per la nostra gente e per il nostro Paese, un patrimonio di grande valore culturale che deve essere mantenuto, valorizzato e documentato nel tempo», spiega il presidente Renato Bonetti. E l’associazione, dunque, mira a raggruppare persone che abbiano interesse nel proteggere il proprio territorio, «un territorio che l’uomo ha modificato con grandi e particolari costruzioni, i forti appunto, destinati a compiti oggi superati, ma oggettivamente affascinanti e ricchi di prospettive future». Per valorizzarli, però, serve conoscerli e comprenderli, garantirne la natura e la tipologia. Serve capire come le persone, che li hanno realizzati, abbiano pensato a questi luoghi, rispettando il patrimonio che rappresentano. «Le più importanti costruzioni si trovano tra Magadino e Quartino», conclude la nota. «E sono principalmente rappresentate delle opere fortificate di artiglieria e da fortini di fanteria». Per saperne di più, anche sulle iniziative storico-culturali dell’associazione, basta visitare il sito www.fortificazionigambarogno.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Locarno
  • 1
    Locarno

    LaRotonda fa quadrare il cerchio

    Non mancano le critiche, ma la nuova veste del villaggio festivaliero raccoglie consensi tra il pubblico presente – Gli organizzatori: «Siamo soddisfatti, l’affluenza è in linea con gli scorsi anni e il bilancio è positivo»

  • 2
    La storia

    Una vita spericolata fra politica e rock

    Alain Scherrer, sindaco di Locarno, mette da parte la cravatta e racconta come è nata la sua passione per la musica – «Cantare nella Vasco Jam mi ha insegnato ad ascoltare gli altri e a lavorare in Municipio cercando sempre l’armonia»

  • 3
    LOCARNO

    Al via il cantiere per la passerella ciclopedonale

    Inizieranno lunedì 19 agosto i lavori per realizzare l’opera nella zona a valle del ponte A13 sulla Maggia: gli interventi dureranno quasi un anno - Il sindaco Alain Scherrer: «Dal 2020 la Città sarà più raggiungibile»

  • 4
    incidente

    Bagnante salvato da una passante a Minusio

    Provvidenziale l’intervento di una donna francese che fa parte della troupe di un film in concorso a Locarno - Il 32.enne cinese era in acqua di fronte all’osteria La Riva quando si è sentito male

  • 5
    Gambarogno

    Volano gli stracci tra Cleto Ferrari e Municipio

    L’oggetto della discordia, questa volta, il lido di Gerra e i dubbi sollevati in due interpellanze – L’Esecutivo: «Subdolo e inappropriato» – Il consigliere comunale: «Tentativo di screditarmi»

  • 1