Frana di Re: sgomberi e dubbi da fugare

Riattivata la linea ferroviaria, mentre per il ripristino della strada statale 337 della valle Vigezzo bisognerà attendere almeno un mese - Preoccupazione per alcune tracce di sangue fiutate dai cani molecolari

Frana di Re: sgomberi e dubbi da fugare

Frana di Re: sgomberi e dubbi da fugare

VALLE VIGEZZO - Se la pioggia prevista la scorsa notte non ha causato altri danni, oggi in giornata viene riattivata la linea ferroviaria interessata dalla frana di Meis (frazione di Re), che domenica ha travolto mortalmente una coppia di Minusio (Vedi Suggeriti) che circolava con la propria auto sulla statale 337 della valle Vigezzo in direzione del santuario. «I treni della Ferrovia Vigezzina-Centovalli - si legge in una nota - riprenderanno le loro corse regolarmente dalla tarda mattinata anche sulla tratta internazionale Domodossola-Locarno e viceversa, con traffico regolare secondo l'orario pubblicato sul sito internet www.vigezzinacentovalli.com». Per il ripristino del collegamento stradale, invece, bisognerà attendere almeno un mese. «Oggi farò richiesta alla Regione Piemonte per un contributo», fa sapere al CdT il sindaco di Re Oreste Pastore, aggiungendo: «Non appena avrò l'OK, farò in modo che i lavori vengano avviati immediatamente». Stando all'ultima perizia effettuata, il costo per il ripristino della statale 337 della valle Vigezzo si attesterebbe ad almeno 350.000 euro.

Una volta provveduto allo sgombero dei 400 metri cubi di materiale roccioso e alla messa in sicurezza della strada si potrà fugare ogni dubbio su un'eventuale presenza di altre vittime. «I cani molecolari - rivela Pastore - hanno fiutato delle tracce di sangue 4 metri a nord dell'automobile della coppia locarnese». «Il sangue potrebbe essere dei ticinesi – ipotizza con tono tradito dall'angoscia il sindaco – o di un animale oppure di un'altra persona, ma spero con tutto me stesso che il numero delle vittime non aumenti».

Le salme dei coniugi locarnesi dovrebbero essere state rimpatriate ieri pomeriggio. I funerali, con santa messa, si terranno giovedì 5 aprile alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Gordola. Seguirà l'accompagnamento al cimitero di Minusio. Il pubblico ministero della Procura di Verbania, come riferito dai media italiani, ha aperto un procedimento per omicidio colposo a carico di ignoti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
    Locarno

    «Lascio una squadra affiatata»

    Il vicesindaco della Città Paolo Caroni, che ha deciso di non ricandidarsi alle imminenti elezioni, racconta la sua lunga esperienza vissuta all’interno del Municipio – Dai progetti andati in porto alle visioni disegnate per il futuro, sottolinea lo spirito che l’Esecutivo ha saputo costruire

  • 3
    losone

    Una preziosa perla salvata e tutta da scoprire

    Si sta concludendo l’operazione di restauro degli affreschi quattrocenteschi nella chiesa di San Giorgio – Ora il pubblico potrà tornare nell’antico coro per ammirare i dipinti attributi dagli esperti alla nota Bottega dei Seregnesi

  • 4
  • 5
    Appello

    Museo a Locarno? «Opportunità irripetibile»

    In una lunga lettera alla Commissione della gestione del Gran Consiglio, la Società ticinese di scienze naturali sostiene l’ubicazione del Monastero di Santa Caterina per la nuova sede del Museo cantonale di storia naturale

  • 1