«Giugno è troppo presto»: JazzAscona annulla la 36. edizione

eventi

Troppe, secondo gli organizzatori, le incognite legate all’arrivo di musicisti dagli Stati Uniti e le incertezze create dalla pandemia - Non si esclude un evento alternativo nel caso in cui la situazione sanitaria dovesse migliorare

«Giugno è troppo presto»: JazzAscona annulla la 36. edizione
© CdT/Archivio

«Giugno è troppo presto»: JazzAscona annulla la 36. edizione

© CdT/Archivio

«A due mesi e mezzo dal suo avvio, è con grande rammarico che il festival annuncia di dover spegnere anticipatamente i riflettori sulla 36. edizione». Questo il messaggio diffuso stamattina dagli organizzatori di JazzAscona. «Troppe le incognite legate all’arrivo di musicisti dagli Stati Uniti, troppe le incertezze che ancora planano sull’evoluzione della pandemia e sulle future direttive sanitarie da applicare a un evento che coinvolge un intero Borgo. Resta aperto uno spiraglio per un evento alternativo, sempre condizioni sanitarie permettendo», specificano.

«A fronte di una situazione contrassegnata da così tante incognite, la rinuncia», sottolinea l’associazione, «è l’unica decisione possibile, responsabile e ragionevole». Fino all’ultimo gli organizzatori hanno provato a tenere saldo il timone per portare il festival all’approdo della 36. edizione, prevista dal 26 giugno al 3 luglio.

«L’evento era pronto e ricco di entusiasmanti novità, come gli oltre 40 musicisti da New Orleans, le numerose performances acustiche per le vie del Borgo, i giovani talenti nell’ambito del progetto Groovin’ up, o la tanto agognata entrata gratuita per tutti i 10 giorni. Il comitato è molto dispiaciuto ma promette agli asconesi e ai tanti fans del festival che qualora la situazione sanitaria dovesse migliorare e ci fossero le condizioni, non esclude di proporre un evento alternativo con modalità e tempi da definirsi: siamo un festival di jazz, improvviseremo».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2
  • 3

    «Lascio una squadra affiatata»

    Locarno

    Il vicesindaco della Città Paolo Caroni, che ha deciso di non ricandidarsi alle imminenti elezioni, racconta la sua lunga esperienza vissuta all’interno del Municipio – Dai progetti andati in porto alle visioni disegnate per il futuro, sottolinea lo spirito che l’Esecutivo ha saputo costruire

  • 4

    Una preziosa perla salvata e tutta da scoprire

    losone

    Si sta concludendo l’operazione di restauro degli affreschi quattrocenteschi nella chiesa di San Giorgio – Ora il pubblico potrà tornare nell’antico coro per ammirare i dipinti attributi dagli esperti alla nota Bottega dei Seregnesi

  • 5
  • 1
  • 1