«Grazie, mi avete restituito il sole»

La storia

Da migrante in fuga dall’Eritrea a collaboratrice sanitaria in Ticino – Netsanet Yemane si racconta e rende omaggio a tutti coloro che le hanno teso la mano per aiutarla a ritrovare famiglia e sogni

«Grazie, mi avete restituito il sole»
Oggi Netsanet Yemane vive a Losone assieme al marito e ai tre figli. ©CdT/Chiara Zocchetti

«Grazie, mi avete restituito il sole»

Oggi Netsanet Yemane vive a Losone assieme al marito e ai tre figli. ©CdT/Chiara Zocchetti

«Grazie, mi avete restituito il sole»

«Grazie, mi avete restituito il sole»

Per chi non è stato sradicato, è difficile capire fino in fondo. Ogni migrante potrebbe riempire libri con la sua storia, ma finché non la si vive sulla propria pelle raramente si riesce a coglierne l’essenza. Del resto non è l’obiettivo di Netsanet Yemane, etiope di origine eritrea, che da otto anni vive in Ticino. Se accetta di raccontarsi è perché nel suo orizzonte, e in quello della sua famiglia, è tornato a splendere il sole, «e vorrei ringraziare tutti coloro che me l’hanno restituito».

La storia di Netsanet comincia ad Addis Abeba, capitale dell’Etiopia. Là, prima di sei fratelli, nasce e frequenta le scuole fino al liceo. Fra una guerra e l’altra. «Ero una brava studentessa e il mio sogno – racconta – era quello di diventare medico». Ma nel 2000, quando scoppia l’ennesimo conflitto con...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 1