I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti

LOCARNO

Inizierà domani l’ultima fase di selezione per 14 candidati piloti militari che si concluderà l’11 settembre - Oltre all’istruzione teorica verrà effettuata anche quella pratica con voli a Sud delle Alpi e in Mesolcina

I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti
© Forze aeree

I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti

© Forze aeree

Domani, alla Base aerea di Locarno, inizierà l’ultima fase di selezione per 14 candidati piloti militari (undici di lingua tedesca e tre di lingua francese). Anche quest’anno purtroppo non figurano candidati ticinesi. Questa fase si protrarrà fino a venerdì 11 settembre. Seguendo un programma affinato da anni di esperienza, i candidati effettuano, oltre all’istruzione teorica, circa 18 ore di volo in doppio comando sopra i cieli del Ticino e della Mesolcina. I velivoli impiegati sono i Pilatus PC-7, mentre i monitori di volo sono tutti piloti militari professionisti con una lunga esperienza.

Con il sistema d’istruzione, adottato ormai da qualche anno, i candidati piloti militari si presentano per la selezione con il grado d’ufficiale. Dopo questa importante fase a Locarno coloro che adempiono i requisiti potranno proseguire la loro formazione come pilota militare professionista, nell'ambito della scuola piloti delle Forze aeree. Per quest’ultima fase della selezione dove si valutano in modo particolare le attitudini pratiche in volo e la padronanza della terza dimensione, è indispensabile l'utilizzo dei velivoli.

Con il simulatore sono già state verificate in precedenza altre caratteristiche. Le Forze aeree faranno tutto il possibile per limitare al minimo indispensabile il disturbo e ringraziano la popolazione per la comprensione. I giovani interessati ad una formazione di pilota o di paracadutista militare, ricordiamo, possono consultare il sito Internet www.sphair.ch.

I Pilatus PC-7 nei cieli ticinesi: è la scuola piloti
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1

    «Ci negano il lavoro ridotto, per noi è una vera mazzata»

    il caso

    Il Cantone dice no alla richiesta della Clinica Santa Chiara di Locarno perché «era chiamata a tenere a disposizione tutte le risorse» – Daniela Soldati è pronta a dare battaglia: «Intanto lo Stato corrisponderà all’EOC le perdite cumulate, come al solito due pesi e due misure»

  • 2

    Al via la partita di tetris per sistemare il Pretorio

    Locarno

    Sono a buon punto i lavori per il trasferimento della Corte d’appello e revisione penale e delle due Preture in piazza Grande – Nel frattempo liberati anche gli spazi alla Ferriera dove Il Centro professionale commerciale lascerà posto alla Polizia cantonale

  • 3

    Un mega luccio catturato nel Verbano

    Pesca

    All’amo di Ivan Schifano, non nuovo ad exploit del genere, un esemplare da oltre 14 chilogrammi e lungo 1 metro e 28 centimetri – «Per issarlo a bordo della barca c’è voluto un quarto d’ora»

  • 4

    Si riempie di stelle l’orizzonte dell’albergo Esplanade

    Minusio

    È andata in porto la vendita dello storico hotel, chiuso da diversi mesi dopo una parentesi come servizio e-rooms – La struttura sarà ora rinnovata e poi affidata a una prestigiosa catena internazionale – Investimento complessivo da 40 milioni

  • 5

    «Siamo fortunati a vivere in Svizzera»

    LOCARNO

    Il direttore dell’Agenzia turistica ticinese ha scelto la «sua» Locarno per il discorso della festa nazionale: «Per il settore il virus è un duro colpo, ma stiamo ripartendo dalla natura e dall’ambiente, passando per l’identità territoriale»

  • 1
  • 1