Il gioiello si svela piano e il lungolago si prepara

Ascona

Conclusa la prima tappa del cantiere di Piazzale Torre che ora sfoggia i nuovi, eleganti, gradoni verso il lago – In autunno i lavori per realizzare la pavimentazione pregiata e per i giochi d’acqua – Intanto diversi locali pubblici e hotel della piazza stanno sfruttando la pausa forzata per rifarsi il look

Il gioiello si svela piano e il lungolago si prepara
Una veduta dall’alto della trasformazione in atto di piazzale Torre. © Ti-Press/Samuel Golay

Il gioiello si svela piano e il lungolago si prepara

Una veduta dall’alto della trasformazione in atto di piazzale Torre. © Ti-Press/Samuel Golay

Trasformare in gioiello un’anonima spianata d’asfalto. Questo l’obiettivo del Municipio di Ascona quando, nell’estate di tre anni fa, pubblicò il messaggio per la valorizzazione del Piazzale Torre, posto all’estremo limite del suo pregiato lungolago. Una sfida ambiziosa, i cui risultati si stanno cominciando a vedere proprio in questi giorni. Sono infatti in fase conclusiva i lavori della prima tappa dell’operazione e il nuovo gioiello asconese sta pian piano cominciando a svelarsi. Tolte le impalcature che lo nascondevano alla vista dei passanti, superata l’asfaltatura provvisoria, se ci si avvicina alla riva si scoprono gli eleganti gradoni in pietra naturale che scendono verso il lago.

La nuovissima gradinata sarà sicuramente apprezzata dai tanti visitatori di uno degli angoli più suggestivi del cantone. © Ti-Press/Samuel Golay
La nuovissima gradinata sarà sicuramente apprezzata dai tanti visitatori di uno degli angoli più suggestivi del cantone. © Ti-Press/Samuel Golay

Un punto di sosta privilegiato certamente apprezzato dai molti visitatori che già in queste settimane – approfittando delle giornate di bel tempo – hanno ricominciato a frequentare uno degli angoli più suggestivi del cantone. «Come programmato – spiega al Corriere del Ticino il sindaco di Ascona Luca Pissoglio – con l’arrivo della nuova stagione si è conclusa la prima tappa dei lavori, che permette già di farsi un’idea del nuovo volto di Piazzale Torre. In autunno, poi, daremo il via alla seconda fase, durante la quale sarà posata la pavimentazione definitiva e si procederà alla realizzazione dei giochi d’acqua».

Come a Palazzo federale
Questi ultimi, lo ricordiamo, saranno costituiti da getti regolabili che si alzeranno direttamente dal suolo, sul modello della fontana che caratterizza la piazza di Palazzo federale a Berna. Per quanto riguarda la pavimentazione, invece, essa sarà costituita da dadi e piccoli blocchi di gneiss (del tipo Cresciano e Vallemaggia), in diversi formati e leggere variazioni cromatiche tonali di grigio, in modo da formare un disegno su tutta la superficie del piazzale. Nella parte più interna si troveranno dei cerchi, la cui forma richiamerà grandi bolle che, salendo dal lago, emergeranno sulla superficie e dal cui centro affioreranno i getti d’acqua. Questi ultimi saranno attivati quando il Piazzale Torre non sarà occupato da manifestazioni e lo renderanno uno spazio attrattivo e animato. Per quanto riguarda gli eventi, poi, da segnalare che saranno predisposte discrete infrastrutture di supporto per facilitarne l’allestimento.
Ricordiamo che la posa dei nuovi gradoni è stata effettuata al termine di diversi interventi di messa in sicurezza e rifacimento della riva, oltre a lavori per la canalizzazione comunale. Il progetto – il cui costo si aggira attorno ai tre milioni di franchi – prevede poi anche la rinaturazione del contiguo torrente Brima, riportandolo alle caratteristiche ambientali e alla funzionalità ecologica originale. Da non dimenticare il rifacimento completo dell’illuminazione, con l’obiettivo di creare un’atmosfera gradevole e coinvolgente, e il miglioramento del collegamento con il Parco degli Angioli, valorizzando il verde.

Casse, bici e servizi igienici

A proposito di Parco degli Angioli, da segnalare che si sta attualmente lavorando anche su quel versante. Gli interventi riguardano l’area dove si trovavano le casse del parcheggio pubblico. Qui è in fase di realizzazione la centralina per le fontanelle di Piazzale Torre. «Approfitteremo dell’occasione – conclude il sindaco – per realizzare una copertura destinata alla cassa, servizi igienici e un parcheggio per biciclette». L’operazione dovrebbe essere conclusa entro fine mese.
Intanto sul lungolago asconese bar, ristoranti e alcuni alberghi sono, come altrove, sospesi nella pausa forzata dovuta alla pandemia. In diversi, però, hanno deciso di far buon viso a cattiva sorte e stanno approfittando del blocco dell’attività per prepararsi al meglio alla ripresa della stagione (che si spera possa concretizzarsi il prima possibile). Sulla piazza del borgo, dunque, è tutto in via vai e un fermento di lavori interni e esterni, con l’obiettivo di rifarsi il look in vista dell’agognata ripartenza.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Barbara Gianetti Lorenzetti
Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    «Semkì per ascoltarvi: diteci cosa vi serve»

    Locarno

    Entra nel vivo la prima portineria di quartiere che sarà aperta in città dall’Associazione Rusca e Saleggi – Durante il mese di marzo previsti incontri per capire le esigenze e le disponibilità degli abitanti e per trovare operatori (con invito speciale ai candidati alle elezioni)

  • 3

    Fumata nera e altra proroga sul lago

    Verbano

    Ancora nessun accordo sulla futura gestione del bacino svizzero fra le società svizzera e italiana di navigazione: si continuerà a discutere fino a fine marzo e il servizio sarà comunque garantito secondo gli attuali parametri

  • 4

    Golf, dei reclami «temerari»

    Il caso

    Il botta e risposta tra il club patriziale di Ascona e l’associazione nazionale rivela l’incomprensione che sta alla base del «blitz» di Polizia nelle due strutture del Locarnese - Già a inizio mese si ventilava l’idea di non rispettare quanto indicato da Swiss Golf

  • 5

    Banca, commercio e benzina: l’evoluzione di piazza Muraccio

    Locarno

    Novità in vista per il centralissimo comparto cittadino: Raiffeisen amplierà la propria sede occupando gli spazi dell’ex Cartoleria Mazzoni – In fase preliminare un progetto sulla stessa proprietà per una nuova palazzina dove si insedierebbe un negozio Coop Pronto con stazione di servizio

  • 1
  • 1