Il Municipio mette una pezza al divieto di bere alcolici

Locarno

I cartelli posati a salvaguardia di alcune zone sensibili non disponevano della necessaria base legale – Ma ora è stato firmato il messaggio relativo alla regolamentazione sull’uso e la protezione dei beni comunali

Il Municipio mette una pezza al divieto di bere alcolici
A innescare la miccia erano stati assembramenti di persone ubriache nei pressi del Castello Visconteo. © CdT/Archivio

Il Municipio mette una pezza al divieto di bere alcolici

A innescare la miccia erano stati assembramenti di persone ubriache nei pressi del Castello Visconteo. © CdT/Archivio

«La tigre», per dirla con il municipale Niccolò Salvioni, «era rimasta senza denti», a seguito di due decisioni prese dal Consiglio di Stato nell’agosto dell’anno scorso. Ma ora l’Esecutivo di Locarno ci mette una pezza, in modo che le scelte prese a suo tempo – e con motivazioni ben precise – possano assumere nuovamente vigore. Così, il Municipio ha firmato in questi giorni il messaggio concernente la regolamentazione sull’uso e la protezione dei beni comunali, che nel contempo prevede di abrogare il regolamento di polizia urbana e rurale risalente al 13 aprile 1915.Il tutto ruota attorno ai cartelli di divieto, in particolare quello di consumare bevande alcoliche, che l’Esecutivo aveva deciso di posare in alcune zone sensibili della città, come ad esempio davanti al Castello Visconteo. Luogo,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Locarno
  • 1
  • 2

    Là dove la solidarietà si declina in infinite forme

    Locarno

    Accanto al servizio dei pranzi da asporto (nato nel picco della crisi) Casa Martini riapre la mensa sociale – Oltre trenta pasti gratuiti al giorno per chi è più in difficoltà – Intanto si prepara l’accoglienza notturna che partirà a luglio

  • 3

    Al lago, al fiume o in piazza, ma con la testa sulle spalle

    Locarnese

    Ancora chiusi i lidi, moltissimi bagnanti hanno affollato gli altri luoghi di svago della regione, ma rispettando le distanze e senza creare i temuti assembramenti dei giorni scorsi - Folta presenza di polizia per monitorare la situazione - FOTO e VIDEO

  • 4

    Il colosso delle Cinque Vie continua a non piacere

    Locarno

    Sono già state inoltrate due opposizioni contro il nuovo progetto per il centro polifunzionale La Campagna – Prolungato il periodo di pubblicazione, che si conclude proprio oggi – Preoccupano soprattutto volumetrie e traffico generato

  • 5

    L’uomo caduto dall’albero non ce l’ha fatta

    orselina

    Il 77.enne è deceduto sul colpo dopo essere precipitato per una ventina di metri finendo nel fiume sottostante - Sul posto oltre alla Polizia cantonale anche gli specialisti della Polizia Scientifica - FOTO E VIDEO

  • 1
  • 1